Cina e Italia a confronto sull’edilizia sostenibile

greenbuilding (2)

Dall’alleanza tra Fiera Bolzano e Messe Frankfurt nasce Klimahouse China Congress, una nuova piattaforma rivolta alle specificità del mercato edilizio cinese indirizzata a professionisti, istituzioni e aziende locali.

L’evento, che vuole offrire un contributo in linea con i nuovi orientamenti dei Governi Cinesi in materia di Green Building, debutta il 31 maggio al New China International Exhibition Center (NCIEC) di Pechino nell’ambito di ISH Cina il paese dove l’edilizia ad alta efficienza energetica vive oggi un’incoraggiante fase di evoluzione e rappresenta un’opportunità da cogliere. La crescente attenzione in materia di edilizia sostenibile mette in luce una previsione ottimistica per questo settore: i piani di sviluppo cinesi indicano una crescita di edifici verdi dall’1% del 2012 a oltre il 25% nel 2020. A supporto, l’introduzione di un significativo programma di incentivazione che prevede benefici fiscali, servizi finanziari agevolati per l’acquisto di edifici residenziali energeticamente efficienti e rinnovate politiche del territorio per una crescita urbana sostenibile.

Una voce autorevole in tema di Green Building arriva da Klimahouse, la manifestazione fieristica più importante in Italia in tema di efficienza energetica con undici anni di storia, che mette a confronto il sistema edilizio cinese con le competenze ed esperienze applicate con successo in tutta Italia. Grazie alla collaborazione con Messe Frankfurt, nasce Klimahouse China Congress che, nell’ambito di ISH China, fiera leader per il mondo del bagno, tecnica degli edifici, delle energie rinnovabili, dell’energia e della climatizzazione, propone il Congresso “Green
Buildings for a climate change in China”: un dibattito aperto tra Italia e Cina che offre una occasione di scambio e un’opportunità di networking tra professionisti del settore. A raccontare lo stato dell’arte dell’edilizia in Cina, Yufei Wei, vincitore del primo premio per la progettazione ecosostenibile urbana di Tianjin, Rao Rong, professore associato della Facoltà di Architettura di Tsinghua University, la più riconosciuta e importante in Cina per il settore edilizia sostenibile. Il suo intervento rappresenta una vera opportunità per capire le logiche di altri mercati e per trovare nuovi impulsi. Wang Yonghong, direttore/senior engineer, della China Academy of Building Research – Institute for Building Environment & Energy Efficiency interviene sul tema della ristrutturazione e sulla riqualificazione energetica del patrimonio esistente.

Rappresenta il mondo dell’edilizia sostenibile in Italia, Ulrich Santa, direttore dell’Agenzia CasaClima di Bolzano, struttura promotrice di piani di sviluppo nel segno del risparmio energetico, che nel suo intervento confronterà design e tecniche di realizzazione degli edifici. Al fianco di Ulrich Santa, Massimo Roj, fondatore di CMR, società specializzata nella progettazione integrata di architetture flessibili, efficienti ed ecosostenibili da circa vent’anni in Cina, Michael Tribus, architetto italiano coinvolto in un progetto ambizioso a Qingdao, il Technical Experience Center e Kyle Mertensmeyer, architetto e designer al Gensler di Shanghai che offre un panorama più amplio sul ruolo del green building nei cambiamenti climatici e sulla contaminazione. A dare il via al Congresso, il direttore di Fiera Bolzano Thomas Mur secondo cui Klimahouse China rappresenta un primo passo nella strategia di internazionalizzazione di Klimahouse, che guarda al futuro dell’edilizia sostenibile con una proiezione verso nuovi mercati.

Lascia un commento

Top