IUC, ristrutturazioni e interventi antisismici
Ecco come calcolare le agevolazioni fiscali

senato_17022011Dal 1 gennaio è in vigore l’imposta unica comunale (IUC) composta da una serie di imposte: l’imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta da chi possiede immobili, escluse le abitazioni principali, e di una componente riferita ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore che dell’utilizzatore dell’immobile, e nella tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell’utilizzatore. La IUC si paga in due rate di pari importo, con scadenza 16 giugno e  16 dicembre 2014. Il contribuente può provvedere al versamento dell’imposta complessivamente dovuta in unica soluzione annuale, da corrispondere entro il 16 giugno. Il versamento dell’imposta va effettuato tramite modello F24 oppure tramite apposito bollettino postale.

Nel decreto legge Milleproroghe sono state anche introdotte nuove norme che regolano le agevolazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie, acquisto mobili, interventi di risparmio energetico e antisismici. La detrazione Irpef per le ritrutturazioni edilizie interessa singole unità immobiliari residenziali nelle quali vengono effettuati interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia. Per le parti comuni di edifici residenziali: interventi di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia. Si tiene conto anche di realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali, eliminazione di barriere architettoniche, bonifica dall’amianto, opere per evitare infortuni domestici, interventi per prevenire atti illeciti, cablatura edifici ecc.

Importo massimo della spesa su cui calcolare la detrazione

Fino al 31.12.2015 la spesa masima consentita su cui calcolare la detrazione è di 96.000 euro; dal 1.1.2016  sarà di 48.000 euro. La detrazione dall’imposta lorda fino al 31.12.2014 è del 50%, dal 1.1.2015 al 31.12.2015 sarà del 40%, dal 1.1.2016 scenderà al 36%.

La detrazione Irpef per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici (es.: frigoriferi e lavastoviglie) di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), per apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica, “finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione”,  fino al 31.12.2014 prevede un importo massimo della spesa su cui calcolare la detrazione di 10 mila euro. La misura della detrazione (dall’imposta lorda) fino al 31.12.2014 è del 50%.

La detrazione Irpef/Ires per interventi finalizzati alla riqualificazione energetica degli edifici prevede un importo massimo della spesa su cui calcolare la detrazione fino al 31.12.2015  di  100.000 euro se si effettuano interventi per la riduzione del fabbisogno energetico di edifici esistenti; di 60.000 euro se si effettuano interventi riguardanti pareti, finestre (compresi gli infissi) su edifici esistenti; sempre 60.000 euro se si installano pannelli solari; e infine 30.000 euro per chi sostituzione impianti di climatizzazione invernale. Ma attenzione questa spesa su cui misurare le detrazioni dal 1 gennaio 2016 sale a 48.000 euro per tutte le tipologie di intervento. La detrazione (dall’imposta lorda) fino al 31.12.2014 è del 65%; da 1.1.2015 al 31.12.2015 sarà del 50% e dal 1.1.2016 passerà al 36%.

La detrazione Irpef/Ires per interventi per il risparmio energetico in casi particolarmente rilevanti riguardanti parti comuni degli edifici condominiali di cui agli articoli 1117 (condominio) e 1117-bis (supercondominio) del codice civile o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio fino al 30.6.2016 è di 100.000 euro per interventi per la riduzione del fabbisogno energetico di edifici esistenti; 60.000 euro per interventi riguardanti pareti, finestre (compresi gli infissi) su edifici esistenti; 60.000 per installazione di pannelli solari; 30.000 euro per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale. Dal 1.7.2016 la spesa massima sarà di 48.000 euro per tutte le tipologie di intervento.  La detrazione dall’imposta lorda fino al 30.6.2015 è del 65%; dal 1.7.2015 al 30.6.2016 sarà del 50% e dal 1.7.2016 passerà al 36%.

I cambiamenti dopo l’approvazione del Milleproroghe riguardano anche la detrazione Irpef  su spese effettuate per specifici interventi su edifici (adibiti ad abitazione principale o ad attività produttive) ubicati nelle zone sismiche ad alta pericolosità. L’importo massimo della spesa su cui calcolare la detrazione fino al 31.12.2015 è di 96.000 euro: dal 1.1.2016 scende a 48.000 euro. La detrazione dall’imposta lorda fino al 31.12.2014 è del 65%; dal 1.1.2015 al 31.12.2015 sarà del 50% mentre dal 1.1.2016 scenderà al 36%.

Per ulteriori chiarimenti sull’imposta unica comunale IUC e per conoscere le novità introdotte nell’ultimo decreto legge Sfratti come stabiliti nella versione definitiva (che contrasta con diverse anticipazioni della vigilia) consultare il sito di Confedilizia – http://www.confedilizia.it/I_stabilit%C3%A0_2014.html.

Lascia un commento

Top