Paper CMC assume e aumenta le linee produttive

chisiamo-low-1000x500

Paper Converting Machine Company si appresta a chiudere i primi sei mesi dell’anno con risultati positivi in termini di posti di lavoro e nuove linee di produzione.

L’azienda americana, gruppo Barry Wehmiller, con sede nella frazione di Borgo a Mozzano, Diecimo (Lu), è leader a livello internazionale nella produzione di macchinari per la trasformazione della carta, fiore all’occhiello del distretto cartario lucchese. Con cinquanta i milioni di fatturato nel 2015 l’azienda ha intrapreso una strada virtuosa che prevede investimenti ingenti sul territorio. Per prima cosa Sergio Casella, Ad e presidente di Pcmc Italia, pone l’ampliamento della produzione arrivata a quattro linee di converting complete per un totale di 36 linee prodotte entro la fine del 2016. Macchinari che esporta in Europa, Est Europa, Asia, Sud eNord America.

Da sempre la Pcmc mette al centro della propria attività il fattore umano. Maestranze e tecnici che hanno decretato il successo della multinazionale lucchese. “Se da una parte siamo grati dei nostri talenti, al loro entusiasmo e alla loro passione che così tanto contribuiscono alla creazione di business, dall’altra un grazie va ai nostri tecnici specializzati che ogni giorno si battono ai quattro angoli del mondo per essere presenti al fianco dei nostri clienti. Tecnici che seguono tutte le fasi di lavorazione, spedizione e istallazione pronti a rispondere alle richieste degli acquirenti. Tutto questo per sostenere i nostri interlocutori e farli sentire vicini a una azienda che vuole crescere insieme a loro”, dice Sergio Casella.hqdefault (1)

Per soddisfare le maggiori esigenze dei clienti, Paper ha costruito un team di lavoro dedicato all’assistenza post vendita. Quelle realizzate da Paper sono macchine che costano centinaia di milioni di euro destinate ad aziende che lavorano la carta in diversi ambiti, che investono ingenti risorse finanziarie, e non hanno la possibilità di interrompere o rallentare la produzione. Per questo l’assistenza tecnica deve rispondere prontamente alle richieste provenienti da tutti gli angolo del mondo. Questo è possibile anche attraverso un sistema di connessione remota in cui il tecnico specializzato identifica a distanza il problema  e indirizza il cliente verso la sua risoluzione. Le nuove linee produttive hanno comportato anche nuove assunzioni diffuse, ma soprattutto nel customer service  al cetro della strategia commerciale dell’azienda.

Tutto questo viene affiancato  una forza vendita after sales specializzata nei ricambi e nell’upgrade che aggiorna i macchinai e i software oltre che garantisce pezzi di ricambio in tempo pressoché reale. A questa organizzazione Paper affianca anche corsi di formazione e training nei quali  anche i clienti meno esperti possono imparare a utilizzare gli aggiornamenti utili per proseguire l’attività.

Lascia un commento

Top