Occupazione: crescono i contratti nelle cooperative +5,1%

cooperative

Cresce l’occupazione nelle cooperative aderenti a Legacoop Bologna. Nel 2015 l’occupazione complessiva è aumentata del 2,9% [1], mentre gli occupati a tempo indeterminato sono cresciuti del 5,1%.

L’incremento è dovuto sia alle trasformazioni di contratti a termine incentivate dalle misure di riduzione del costo del lavoro che hanno accompagnato il Jobs Act, sia per le politiche di gestione cooperativa che hanno privilegiato la buona e stabile occupazione. Aumento e stabilizzazione dell’occupazione si sono registrati, in gran parte, nei settori dei servizi e del consumo. Nella cooperazione sociale ci sono state molte stabilizzazioni, dovute a trasformazioni di contratti a termine in contratti a tempo indeterminato. Gli occupati sono complessivamente 56.557, per il 91,7% con contratto a tempo indeterminato. Nel territorio bolognese sono impiegate circa 19 mila persone, il 34% del totale degli addetti delle cooperative aderenti a Legacoop Bologna. La crescita occupazionale è ancora più significativa perché avviene in un contesto di stabilità dei fatturati delle imprese aderenti a Legacoop Bologna, aumentati dello 0,3%. Il valore della produzione del 2015 ammonta a 13,1 miliardi di euro, i soci sono 1.578.000 (+2,4%). . “Dall’analisi dei dati sugli andamenti delle associate a Legacoop Bologna, pur in un quadro di sostanziale stabilità, si colgono alcuni segnali incoraggianti per il futuro”, dice Rita Ghedini, presidente di Legacoop Bologna (nella foto insieme a Simone Gamberini). “Il primo è quello dell’occupazione: durante gli anni della crisi e ancora oggi, l’occupazione è cresciuta in maniera sensibile. Le cooperative hanno messo in sicurezza posti di lavoro e hanno creato nuova e buona occupazione. Per noi “prima il lavoro” non è solo uno slogan, ma un fatto dimostrato dai numeri. La crescita del numero dei soci, inoltre, conferma la fiducia nella forma cooperativa, come strumento di aggregazione dei bisogni e di creazione di valore. Per quanto riguarda l’andamento economico complessivo sono incoraggianti i primi timidi segnali positivi che arrivano dal comparto “Produzione e Lavoro”, +11,8% nel 2015”.

Il settore che ha registrato la maggiore sofferenza nel 2015 è quello dell’Abitazione, alle prese da anni con una crisi profonda che ha completamente ridefinito il perimetro del mercato. Le cooperative associate a Legacoop Bologna, che hanno fatto ricorso, nei primi otto mesi dell’anno, anche in modo discontinuo, ad ammortizzatori sociali sono state 14, con il coinvolgimento di 1.350 occupati (il dato comprende anche i dipendenti di Coop Costruzioni, in liquidazione coatta amministrativa, ed è in linea con l’anno precedente).

FATTURATO IIN CRESCITA PER IL 2016?

Per il 2016 le cooperative di Legacoop Bologna prevedono un aumento di fatturati (+1,6%) e soci (+2%) e un lieve incremento dell’occupazione (+0,6%). Al raggiungimento di questi risultati, concorreranno principalmente le associate che operano nei settori: agroalimentare, distribuzione e servizi. “All’assemblea dei delegati di fine anno, avremo dati più precisi ma la previsione che facciamo oggi è basata sull’andamento di un campione di imprese ampiamente rappresentativo delle cooperative bolognesi, al cui interno sono presenti realtà leader di mercato nel proprio settore”, ha detto Simone Gamberini, direttore di Legacoop Bologna , “Quest’anno si stanno ulteriormente consolidando alcuni segnali positivi e prevediamo di migliorare le già buone performance relative all’occupazione. Perché questa tendenza si trasformi in una vera e propria ripresa generale del ciclo economico, c’è bisogno di interventi di stimolo alla domanda interna al fianco di interventi sulla ricerca, la qualità e l’innovazione che produrranno effetti nel medio-lungo termine”.

[1] Al lordo degli ammortizzatori sociali

Lascia un commento

Top