Terremoto: ecco i versamenti volontari da enti di previdenza

versamenti

Un conto corrente raccoglierà i versamenti volontari dell’Ente pluricategoriale di previdenza, dei Consigli nazionali di Attuari, Chimici, Dottori Agronomi e Dottori Forestali e Geologi e dei singoli iscritti.

 

Tutti i versamenti confluiranno verso un conto corrente presso la Banca Popolare di Sondrio, intestato allEpap e denominato “Professionisti insieme per il terremoto”, su cui far affluire versamenti e donazioni destinate alla realizzazione di beni reali e immediatamente fruibili dalle popolazioni colpite dal sisma. E’ questa l’iniziativa concreta lanciata da Stefano Poeta, presidente dell’Ente di previdenza di Attuari, Chimici, Dottori Agronomi e Forestali e Geologi, con una “lettera aperta” agli iscritti.
La decisione è nata dal confronto, avviato subito dopo le prime notizie sulla devastazione provocata dal terremoto, tra Poeta e i presidenti dei Consigli nazionali delle categorie professionali: Andrea Sisti per i Dottori Agronomi e Dottori Forestali, Franco Peduto per i Geologi, Giampaolo Crenca per gli Attuari, Nausicaa Orlandi per i Chimici. “I presidenti – ha dichiarato Stefano Poeta – hanno subito condiviso la volontà di intraprendere azioni concrete, manifestando ancora una volta lo spirito solidaristico che caratterizza il popolo italiano e il mondo delle Professioni”. Sul conto corrente aperto presso la Popolare di Sondrio potranno affluire versamenti volontari da parte dell’Epap, degli Ordini professionali (per il tramite dei Consigli Nazionali) e di singoli iscritti. E’ stato prioritariamente stabilito che i fondi saranno gestiti autonomamente e congiuntamente dall’Epap e dai Consigli nazionali, quindi non devoluti a enti o associazioni esterne. Saranno destinati alla realizzazione di un bene necessario e immediatamente fruibile dalle popolazioni, la cui natura dipenderà dall’importo che risulterà disponibile. I professionisti iscritti saranno aggiornati, nella massima trasparenza, sull’andamento della contribuzione: verrà infatti segnalato settimanalmente sul sito dell’Epap (www.epap.it) l’importo raggiunto. A conclusione della raccolta verrà comunicata la decisione assunta in merito alla tipologia del bene, ai costi e ai tempi di consegna.

Lascia un commento

Top