Studio GLP riconferma skills trasnazionali

Studio GLP tra le eccellenze mondiali nella guida WTR 1000 per il terzo anno consecutivo. La realtà di Udine si riconferma ai vertici internazionali per consulenza e questioni transnazionali. “Il risultato di un impegno costante al sostegno dell’innovazione”, affermano i co-managing partner Davide e Daniele Petraz.

Una realtà friulana nell’olimpo mondiale degli studi che si occupano di proprietà intellettuale. Lo Studio GLP per il terzo anno consecutivo è stato inserito nella prestigiosa guida WTR 1000 pubblicata dalla rivista Word Trademark Review. Nella guida WTR lo studio friulano viene definito dai propri clienti in anonimato come “noto per gli approfondimenti strategici incisivi, per la consulenza particolarmente mirata e una risoluta gestione dei diritti” nonché “controparte eccellente nelle questioni transnazionali”. Punto di riferimento internazionale, la pubblicazione è il frutto di una ricerca approfondita e obiettiva che prende in analisi oltre 1.500 professionisti di 70 diverse giurisdizioni.

“È decisamente il frutto dell’impegno costante che poniamo nel campo della proprietà intellettuale», afferma Davide Petraz, co-managing partner dello Studio GLP al quale il WTR 1000 ha riconosciuto in modo particolare competenze tecniche e strategiche inserendolo tra i migliori mille professionisti a livello mondiale del settore dei marchi e – in modo specifico”, nella categoria “Prosecution & Strategy”. “È un risultato che, oltre a renderci orgogliosi, ci spinge ancora a migliorare. Il nostro settore necessita infatti di aggiornamenti continui e di una propensione verso l’innovazione e la sua tutela che vogliamo trasmettere ai nostri clienti, al territorio e ai giovani. Siamo infatti fermamente convinti che l’innovazione debba non solamente essere il motore delle aziende che vogliono crescere e svilupparsi, ma debba anche essere parte integrante del percorso formativo dei giovani, non tanto come materia di studio, quanto come mentalità improntata verso il futuro”.

In Italia, come del resto anche rilevato dalla guida WTR 1000, è in corso una lenta rivoluzione culturale. «Il tema della proprietà intellettuale, dell’importante ruolo che il deposito di brevetti e marchi ha per la crescita economica, si sta sviluppando», aggiunge Daniele Petraz, co-managing partner dello Studio GLP. “Da una tutela dei prodotti che garantiscono già una redditività, gli imprenditori stanno iniziando a ragionare sulla gestione della proprietà industriale in termini finanziari ed economici. È stato l’ICC, ovvero la Camera di Commercio Internazionale, ha mettere in evidenza che – a parità di condizioni – un’invenzione brevettata ha un valore economico doppio rispetto ad una non brevettata. Come Studio GLP supportiamo la crescita delle aziende e, di conseguenza, dello sviluppo”.
La guida WTR 1000 ha riconosciuto in modo particolare competenze tecniche e strategiche inserendolo tra i migliori mille professionisti a livello mondiale del settore dei marchi e – in modo specifico – nella categoria “Prosecution & Strategy”.

Fondata da Gilberto Luigi Petraz nel 1967 a Udine e gestita oggi dai figli Davide e Daniele, GLP è tra le prime cinque aziende italiane nel settore della tutela della proprietà intellettuale. Con sedi Udine, Milano, Perugia, San Marino e Zurigo, conta più di 70 dipendenti, un portafoglio di oltre 7mila clienti con all’attivo più di 100mila casi trattati a livello nazionale e internazionale. Dal 2003 al 2007 ha detenuto il primato mondiale per numero di Modelli Comunitari depositati; un suo brevetto è stato preso a modello dall’EPO (Ufficio Brevetti Europeo) quale esempio di brevetto ben scritto. GLP ritiene la proprietà intellettuale

Lascia un commento

Top