Sogefi approva l’esercizio 2016. Prosegue il turnaround

Il CdA di Sogefi sotto la presidenza di Monica Mondardini, ha approvato la proposta di bilancio civilistico e il bilancio consolidato della società per l’esercizio 2016.

“Nel 2016 Sogefi ha registrato progressi significativi in termini di qualità e produttività. I risultati ottenuti
nell’esercizio testimoniano l’efficacia delle azioni di turnaround intraprese dalla società negli ultimi 18 mesi
per migliorare la redditività e la generazione di cassa”, ha detto Laurent Hebenstreit, Amministratore Delegato di Sogefi. I ricavi del gruppo sono in crescita del 5% e del 9,8% a cambi costanti Nel 2016 il mercato automobilistico mondiale ha registrato un incremento della produzione del 4,8%, con una crescita del 13,3% in Asia e un’evoluzione positiva in Europa (+3,5%) e Nord America (+2%). In Sud America il mercato è rimasto recessivo (-8,7%), anche se il quarto trimestre, con una crescita della produzione del 7%, sembra mostrare una inversione di tendenza. In questo contesto, nel 2016, Sogefi ha registrato ricavi pari a € 1.574,1 milioni, in crescita del 5% rispetto a € 1.499,1 milioni nel 2015 e del 9,8% a cambi costanti.

La crescita dei ricavi è stata trainata dal significativo sviluppo in Nord America (+16,9%) e in Asia (+25,6%) e
l’Europa ha registrato un incremento dell’1,4%. Il fatturato in Sud America si è invece ridotto del 7,1% (+15,8% a cambi costanti), ma ha mostrato un incremento del 13,9% nel quarto trimestre grazie ai primi
segnali di recupero del mercato. Allo sviluppo del gruppo ha contribuito in particolare il settore Aria e Raffreddamento, che ha registrato un incremento del 15,6% (18,4% a cambi costanti). Il fatturato delle altre due business unit ha risentito dell’evoluzione dei cambi: il settore Sospensioni ha registrato una crescita dei ricavi dello 0,9% (6,2% a cambi costanti) e la Filtrazione dell’1% (6,7% a cambi costanti).

L’EBITDA nel 2016 è cresciuto di € 37,2 milioni a € 152,7 milioni, in aumento del 32,2% rispetto a € 115,5
milioni nel 2015. L’incremento è dovuto alla crescita del fatturato e al miglioramento della redditività, che è
salita al 9,7% dal 7,7% del 2015. L’aumento della redditività è conseguenza del leggero incremento del gross margin e della riduzione dell’incidenza dei costi indiretti. In particolare, l’incidenza del costo del lavoro complessivo sui ricavi è scesa dal 22,1% nel 2015 al 21,4% nel 2016. Per quanto riguarda i rischi per i claims della società Sogefi Air & Refroidissement France S.A.S. (ex Systèmes Moteurs S.A.S.), nel 2016 non si sono registrate evoluzioni dei rischi “garanzia prodotti” tali dadeterminare variazioni dell’accantonamento effettuato al 31 dicembre 2015. Quanto invece al recupero da Dayco, venditrice di Systèmes Moteurs S.A.S a Sogefi nel 2011, in maggio si è conclusa la procedura di arbitrato che ha condannato la stessa a pagare a Sogefi € 9,4 milioni per i claims già liquidati, importo interamente incassato nel corso del secondo semestre del 2016. Il lodo arbitrale ha anche determinato una riduzione delle aspettative di recupero di Sogefi di € 4 milioni, con un impatto negativo di pari importo, già contabilizzato a giugno 2016. Sogefi ha impugnato il lodo nella parte in cui ha stabilito che i pagamenti per i claims relativi alle produzioni realizzate post acquisizione saranno a suo carico; Dayco ha impugnato il lodo
nella parte in cui ha confermato la validità degli indennizzi in favore di Sogefi previsti nel contratto di
acquisizione. A tale riguardo, la validità degli indennizzi è stata confermata sia dal lodo sia, in via
preliminare, nel contesto del giudizio della Corte di Appello di Milano che ha rigettato la richiesta di Dayco
di sospendere l’esecutività del lodo.

L’EBIT è cresciuto del 46,8% a € 74,5 milioni rispetto a € 50,7 milioni nel 2015. Il risultato prima delle imposte e della quota di azionisti terzi è stato positivo per € 46,6 milioni (€ 17,9 milioni nel 2015), beneficiando anche di proventi finanziari non ricorrenti per € 6 milioni. Il risultato netto è stato positivo per € 9,3 milioni (€ 1,1 milioni nel 2015) dopo oneri fiscali per € 32,6 milioni nel 2016 (rispetto a € 12,9 milioni nel 2015), come conseguenza del maggiore risultato prima delle imposte e di imposte non ricorrenti per € 10,2 milioni.
Indebitamento netto.  Il Free Cash Flow del 2016 è risultato positivo per € 31,2 milioni rispetto a un assorbimento di cassa per € 24,8 milioni nell’esercizio precedente che includeva € 20.3 milioni di oneri di garanzia di qualità prodotti (di cui € 18,0 milioni di pagamenti relativi ai claims su Systèmes Moteurs). Tale miglioramento è stato
ottenuto nonostante un aumento degli investimenti materiali a € 58,8 milioni (€ 51,3 milioni nel 2015).
Al netto degli oneri di natura non ordinaria, il Free Cash Flow è ammontato a € 21,9 milioni.
L’indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2016 era pari a € 299 milioni, in riduzione di
€ 23,3 milioni rispetto al 31 dicembre 2015 (€ 322,3 milioni) e di € 15,1 milioni rispetto al 30 settembre
2016 (€ 314,1 milioni).

Al 31 dicembre 2016 il patrimonio netto esclusa la quota degli azionisti terzi ammontava a € 172,9 milioni
(€ 170,8 milioni al 31 dicembre 2015). I dipendenti del gruppo Sogefi al 31 dicembre 2016 erano 6.801 rispetto a 6.702 al 31 dicembre 2015. Nel 2016 la società capogruppo Sogefi S.p.A. ha registrato un utile netto di € 27,7 milioni (perdita netta di € 6,8 milioni nell’anno precedente). La differenza è principalmente dovuta a maggiori dividendi da società controllate per € 22,8 milioni, a proventi finanziari non ricorrenti per € 6 milioni e a ricavi di natura non ordinaria verso società controllate per € 2,3 milioni. L’indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2016 era pari a € 280,1 milioni, in riduzione di € 25,7 milioni rispetto al corrispondente valore al 31 dicembre 2015 (€ 305.8 milioni). Il patrimonio netto al 31 dicembre 2016 ammontava a € 197,9 milioni (€ 167,5 milioni al 31 dicembre 2015).

Nel 2017 il mercato automobilistico globale dovrebbe registrare una leggero incremento, con una crescita
limitata in Europa, una contrazione in Nord America e un lieve recupero in Sud America.
La società prevede una crescita percentuale dei ricavi “mid-single digit”, sostenuta da una performance
positiva in Cina e India e in misura minore dalla crescita in Nord America e Sud America.
In questo contesto, Sogefi prevede di proseguire il percorso di incremento della redditività. Il Consiglio di Amministrazione proporrà all’Assemblea degli Azionisti di non deliberare la distribuzione di
un dividendo. L’Assemblea degli Azionisti di Sogefi è convocata in prima convocazione per il 26 aprile 2017 e in seconda convocazione per il 27 aprile 2017.
Il Consiglio di Amministrazione, in particolare, ha deliberato:
● di sottoporre all’approvazione dell’Assemblea degli Azionisti la risoluzione consensuale anticipata
dell’incarico di revisione legale dei conti in corso con Deloitte & Touche S.p.A. e di proporre il
conferimento del nuovo incarico di revisione legale dei conti per il periodo 2017-2025;
· di proporre all’Assemblea degli Azionisti la revoca e il rinnovo della delega al Consiglio di
Amministrazione stesso per un periodo di 18 mesi per l’acquisto di massimo 10 milioni di azioni
proprie (comprese n. 2.868.933 azioni proprie ad oggi detenute, corrispondenti al 2,40% del
capitale sociale) a un prezzo unitario che non dovrà essere superiore al 10% e inferiore al 10%
rispetto al prezzo di riferimento registrato dalle azioni nella seduta del mercato regolamentato
precedente ogni singola operazione di acquisto o la data in cui viene fissato il prezzo e comunque,
ove gli acquisti siano effettuati sul mercato regolamentato, per un corrispettivo non superiore al
prezzo più elevato tra il prezzo dell’ultima operazione indipendente e il prezzo dell’offerta
d’acquisto indipendente corrente più elevata sul medesimo mercato, in conformità a quanto
previsto dal Regolamento Delegato UE n. 2016/1052.
Le motivazioni principali per cui viene rinnovata l’autorizzazione sono: adempiere agli obblighi
derivanti da eventuali programmi di opzioni su azioni o altre assegnazioni di azioni della società ai
dipendenti o ai membri degli organi di amministrazione o di controllo di Sogefi o di società da
questa controllate; adempiere alle obbligazioni eventualmente derivanti da strumenti di debito
convertibili o scambiabili con strumenti azionari; disporre di un portafoglio azioni proprie da
utilizzare come corrispettivo in eventuali operazioni straordinarie, anche di scambio di
partecipazioni, con altri soggetti nell’ambito di operazioni di interesse della società (c.d. “magazzino
titoli”); svolgere attività di sostegno della liquidità del titolo sul mercato; cogliere opportunità di
creazione di valore, nonché di efficiente impiego della liquidità, in relazione all’andamento del
mercato; per ogni altra finalità che le competenti Autorità dovessero qualificare come prassi di
mercato ammesse ai sensi della applicabile disciplina europea e domestica, e con le modalità ivi
stabilite.
· di sottoporre all’approvazione dell’Assemblea degli Azionisti un piano di stock grant per il 2017
destinato a dipendenti della Società e di società controllate per un massimo di n. 750.000 diritti
condizionati, ciascuno dei quali attribuirà ai beneficiari il diritto di ricevere in assegnazione a titolo
gratuito n. 1 azione Sogefi. Le azioni assegnate verranno messe a disposizione utilizzando azioni
proprie detenute dalla società.

Lascia un commento

Top