Snam rafforza le sue finanze

Snam SpA (rating A- per Standard & Poor’s, Baa1 per Moody’s) ha concluso con successo il lancio di un’emissione obbligazionaria in due tranches a 5 anni e mezzo e 10 anni, a tasso fisso per un ammontare nominale complessivo di 2,5 miliardi di euro, in attuazione del Piano di Emtn (Euro medium term notes) deliberato dal CdA del 4 giugno scorso. L’operazione rappresenta un passo verso la conclusione del processo di raccolta di capitali avviato a inizio anno per raggiungere la piena indipendenza finanziaria. L’operazione ha fatto registrare una domanda di oltre 12 miliardi di euro con un’ottima qualità e un’ampia diversificazione geografica degli investitori e consente di allungare la scadenza media del debito. Le obbligazioni saranno quotate presso la Borsa del Lussemburgo. Il collocamento, rivolto a investitori istituzionali, è stato organizzato e diretto da BofA Merrill Lynch, Citi, HSBC, Mediobanca, Société Générale CIB e UBS insieme a Banca IMI, BNP Paribas, JP Morgan, Morgan Stanley e Unicredit.

Di seguito i dettagli dell’operazione:

Tranche a 5 anni e mezzo – Importo: 1,5 miliardi di Euro – Scadenza: 19 marzo 2018 – Cedola annua del 3,875% con un prezzo di re-offer di 99,620 (corrispondente a uno spread di 285 punti base sul tasso mid swap di riferimento).

Tranche a 10 anni – Importo: 1 miliardo di Euro – Scadenza: 19 settembre 2022 – Cedola annua del 5,25% con un prezzo di re-offer di 99,444 (corrispondente a uno spread di 350 punti base sul tasso mid swap di riferimento)

Lascia un commento

Top