SMARTY. Softec project leader della piattaforma
destinata a erogare servizi di infomobilità

Senza-titolo-1Softec, società quotata su AIM Italia di Borsa Italiana, – www.softecspa.it – leader nello sviluppo di nuovi modelli organizzativi e di soluzioni tecnologiche multipiattaforma e multidevice, sarà “capofila” in un’importante gara indetta dalla Regione Toscana all’interno del bando Por CreO. Il programma operativo regionale ha come obiettivo il potenziamento della competitività delle imprese e di tutto il “sistema Toscana”, la crescita dell’economia e dei posti di lavoro.
Softec, guidata dal ceo Maurizio Bottaini (nella foto), è stata selezionata come coordinatrice di un progetto, che ha come obiettivo lo sviluppo di una “piattaforma” destinata a erogare servizi di infomobilità e di pagamento elettronico ai cittadini.

Tra le altre imprese partecipanti alla gara, figurano anche Bassilichi, Almaviva, e KKT, ma non solo, di spicco anche la presenza di organi di ricerca come il “Dipartimento di Sistemi ed Informatica” dell’Università degli Studi di Firenze e il “Dipartimento di Ingegneria dell’informazione” dell’Università di Pisa.

Il progetto, denominato SMARTY (SMArt Transport for sustainable citY), prevede un investimento regionale di oltre 3 milioni di euro che sarà distribuito per oltre il 70%, alle imprese coinvolte, mentre la restante parte verrà destinata ai vari istituti di ricerca. Nel dettaglio, SMARTY, si concretizzerà nella realizzazione di una piattaforma Ict per l’erogazione di servizi  rivolti alla mobilità, promuovendo l’utilizzo di sistemi di trasporto flessibili come bus\car pooling e car\bike sharing, integrati con i sistemi di trasporto tradizionali. Il ruolo di Softec sarà quello di sviluppare la componente principale di questa piattaforma, che permetterà l’acquisizione dei dati e delle informazioni provenienti da altre centrali di monitoraggio traffico.

In seguito, la soluzione, erogherà servizi di infomobilità e di pagamento elettronico, dialogando con i diversi terminali mobili (dotati di gps\umts o wifi). L’utente finale, dopo aver installato sul proprio smartphone la relativa applicazione, potrà programmare “percorsi multi-obiettivo” in tempo reale, che tengano conto non solo della situazione di traffico, ma anche di eventuali ritardi e della disponibilità di mezzi non di linea come bus\car pooling o modalità di trasporto alternative come bike\sharing. Il progetto, della durata di 24 mesi, ha avuto inizio lo scorso ottobre e si concluderà a fine settembre 2014.

Lascia un commento

Top