Con SmartourSalerno il turismo diventa su misura

Viaggiare diventa smart a Salerno attraverso una applicazione per iPhone e Android che genera l’identikit personale dell’utente-turista, suggerendo informazioni, itinerari, eventi, monumenti e menu tagliati su misura.

Si chiama SMARTOUR/SALERNO, l’app ideata da un gruppo di cinque giovani salernitani e due catanesi – ingegneri informatici, gestionali, del cinema e dei mezzi di comunicazione – per potenziare il fascino turistico della seconda città marina della Campania.
Smartour sfrutta un sofisticato sistema di intelligenza artificiale che elabora informazioni, parole e immagini dai profili social del singolo fruitore, intuendo gusti e preferenze dell’utente, creando un percorso turistico privato, oltre i circuiti tipici. Il progetto è sostenuto da Giffoni Innovation Hub, l’acceleratore di idee, startup e format legati al mondo della creatività e della cultura (giffonihub.com).

“Smartour trasforma il turismo tradizionale in una avventura di new social tourism”, spiega Luigi Galluccio, tra gli ideatori dell’app e membro dell’associazione non-profit Smartour. “Una volta raggiunta Salerno, i turisti non dovranno fare altro che scaricare l’app sul proprio smartphone e accedervi con il profilo Facebook. In pochi attimi potranno contare su un itinerario turistico costruito ad hoc su desideri e aspettative personali”.

Smartour non punta esclusivamente ad attrarre turisti ma contemporaneamente lavora sull’incrementare il senso di appartenenza dei residenti. Gli itinerari proposti dall’applicazione si basano sulle ‘dritte’ offerte da chi vive ogni giorno la città e la conosce meglio degli esperti viaggiatori, oggi i principali ‘advisor’ sul web e sui dispositivi mobili che, per quanto abili, non possono competere con chi quotidianamente attraversa un luogo. Coinvolti nella rete di promozione territoriale, i cittadini, dai comuni abitanti agli esercenti, prendono così attivamente parte alla valorizzazione del patrimonio artistico e culturale, rafforzando l’identità collettiva”.

Il progetto è stato finanziato dal Miur sul bando “Smart Cities and Communities and Social Innovation” e gode del patrocinio del Comune di Salerno. La sperimentazione dell’app partirà lunedì 4 maggio 2015, testata su un centinaio di smartphone per le strade salernitane.

Lascia un commento

Top