Smart grid Italia-Germania il 26 a Torino

networking_3

Infrastruttura di rete e smart grid: la Camera di Commercio Italo-Germanica promuove lo sviluppo di relazioni bilaterali nel settore delle smart grid e organizza a Torino un convegno tecnologico per condividere esperienze e opportunità di un comparto in rapida ascesa,

Le smart grid, le reti di distribuzione elettrica “intelligenti” che rispondono all’esigenza di integrazione delle fonti rinnovabili e di innovazione del sistema, rappresentano oggi il futuro della distribuzione energetica e sono uno dei temi centrali nelle relazioni bilaterali tra Italia e Germania. La tecnologia tedesca è all’avanguardia nello sviluppo di tecnologie per le smart grid e il nostro Paese rappresenta uno degli interlocutori principali per il settore grazie a un consistente numero di progetti messi in cantiere nel corso degli ultimi anni.

La Camera di Commercio Italo-Germanica (AHK Italien) farà il punto su questa evoluzione tecnologica,
strategica per entrambi i paesi, giovedì 26 maggio a Torino nel corso dell’incontro “Infrastruttura di rete e
smart grid in Italia”. Il convegno, organizzato su incarico del Ministero Federale tedesco per l’Economia e l’Energia (BMWi) e in collaborazione con la società di consulenza eclareon GmbH, Environment Park, Intesa Sanpaolo e con la partecipazione di RSE – Ricerca sul Sistema Energetico, si inserisce nel programma
ministeriale “Iniziativa per l’esportazione – Energia” promosso dal BMWi per incoraggiare lo scambio
tecnologico e di conoscenze tra Italia e Germania.

“Questo incontro rappresenta un’importante occasione di condivisione di know-how tra esponenti del mondo
scientifico, imprenditoriale e istituzionale di entrambi i Paesi su molti aspetti di interesse per l’intero settore
energetico”, dice Jörg Buck, consigliere delegato della AHK Italien, “In questo ambito tra Italia e Germania,
vediamo diverse possibilità di collaborazione e opportunità da cogliere per le aziende coinvolte. I
numeri confermano il grande potenziale del sistema italiano che, tuttavia, necessita ancora di maturare knowhow,
quadri normativi e specializzazione aziendale. Ambiti in cui il contributo dell’esperienza tedesca potrà
essere importante.”.

In Italia l’implementazione di reti intelligenti di distribuzione elettrica è stata inserita nella Strategia
Energetica Nazionale elaborata nel 2013 dal Ministero per lo Sviluppo Economico e, a partire dall’anno
successivo, sono stati avviati progetti per un valore di circa 250 milioni di euro. Per il triennio 2016-2019 i più grandi gestori delle reti di distribuzione energetica hanno annunciato importanti investimenti nell’ambito delle smart grid. Si stima inoltre che il valore del solo segmento nazionale delle applicazioni domestiche per le smart home (in particolare quelle relative all’energy management) possa crescere dai 12 milioni di euro del 2015 fino ai 58 milioni di euro previsti nel 2020. In ambito alta tensione per il 2016 è stata annunciata la messa in funzione di una linea di 190 km che collegherà Italia e Francia e che permetterà di aumentare la capacità di rete del 60%.

“Avere una presenza strategica in Germania e in oltre 40 paesi e garantire un supporto globale consentono a Intesa Sanpaolo di essere un partner industriale delle imprese italiane che operano all’estero, ma anche di poter proporre agli investitori esteri le opportunità offerte dal nostro Paese. Per questo abbiamo colto l’occasione di essere partner della Camera di Commercio Italo-Germanica in questa iniziativa, proprio per contribuire allo scambio tecnologico e di know-how italo-tedesco in un settore che ha interessanti prospettive di crescita in Italia. Un impegno che esprime al meglio il valore della nostra banca, il quale non risiede solo nell’offerta di prodotti e
consulenza finanziaria, quanto nella capacità di facilitare le occasioni di incontro tra aziende italiane e
aziende internazionali, tra potenziali partner tecnologici e strategici”, ha detto Monica Cristanelli, responsabile Internazionalizzazione Imprese di Intesa Sanpaolo:

TRE CASE HISTORY DI SUCCESSO

Di questi temi, tra case history di successo e opportunità insite nella partnership tra Italia e Germania, si
discuterà a partire dalle ore 9:30 presso l’Innovation Center Intesa Sanpaolo (Corso Inghilterra 3, Torino) che vede la partecipazione di Gabriele Ronco, responsabile Network Cultura dell’Innovazione, Intesa Sanpaolo SpA
Jörg Buck, consigliere delegato della Camera di Commercio Italo-Germanica (AHK Italien), Enzo Lavolta, assessore comune di Torino e Coordinatore Progetto “Torino Smart City”, Dirk Kalusa, eclareon GmbH, Consulente per le Iniziative per l’Esportazione incaricato dal Ministero, Romano Ambrogi, responsabile funzione sviluppo e pianificazione, RSE SpA, Fritz Rettberg, direttore organizzativo del Centro di Competenza per l’Elettromobilità, le Infrastrutture e le Reti Energetiche presso il Politecnico di Dortmund (TU Dortmund), Domenico Lopreiato, senior specialist energy solutions, Deloitte&Touche SpA, Walter Krott, Director Sales Smart Grid, Devolo AG, Christian Pietsch, Area Sales Manager, Janitza electronics GmbH, Alberto Iliceto, Consultant, Younicos AG, Jonas , Diana Khripko, responsabile scientifica per la ricerca su prodotti e processi sostenibili presso l’Università
di Kassel (Istituto per le Tecnologie Energetiche Decentralizzate – IDET), Ruggero Recchioni e Riccardo Dutto, Intesa Sanpaolo SpA , Davide Damosso, Direttore Operativo, Environment Park SpA
Il quadro legale per l’implementazione delle smart grid in Italia, Svenja Bartels, Avvocato di Diritto italiano e tedesco, Studio Rödl & Partner, Enrico Pochettino, Responsabile Innovazione e Internazionalizzazione, IREN SpA

Lascia un commento

Top