I segreti del cloud

Colin LaceyUna riflessione di Colin Lacey, VP Enterprise Services Product Management di Unisys – azienda che opera nel mercato dei servizi e delle soluzioni tecnologiche in oltre 85 paesi www.unisys.it – sull’adozione della strategia cloud.

Il tasso di adozione del cloud nelle aziende sale costantemente e sono stati fatti passi da gigante negli ultimi anni. Come confermano i risultati di un sondaggio condotto da IDG Research, la maggior parte delle aziende ha distribuito applicazioni o carichi di lavoro utilizzando il cloud ibrido o è in procinto di farlo. Inoltre, la maggior parte degli intervistati ha dichiarato di aspettarsi che i propri deployment di applicazioni e carichi di lavoro sul cloud ibrido andranno a triplicare nei prossimi due anni.
Mentre una volta il cloud era percepito come un modo per ridurre i costi, oggi gli utenti cloud ritengono che ci sia in gioco molto di più che un semplice risparmio economico. Con l’evoluzione delle esigenze di business, infatti, è cambiata anche la value proposition della tecnologia cloud. Oggi, i processi di business e le applicazioni sono sempre più complessi e maggiormente automatizzati. In questo contesto, il cloud offre flessibilità, riduzione del capex, una delivery rapida dei servizi e altri vantaggi per le aziende, che si traducono tutti in una singola parola: velocità.
Ritengo ci siano tre aspetti importanti da tenere presenti nell’implementare una strategia di cloud ibrido che possa tradursi in un vantaggio reale per l’azienda.
Il punto di partenza: un modello di business chiaro. Analizzando le capacità della piattaforma del cloud provider, la priorità dovrebbe essere scegliere il proprio offering e i servizi avendo ben in mente la flessibilità che si desidera ottenere.
Il lungo percorso della complessità: l’ambiente cloud ibrido multi-vendor può comportare una complessità maggiore, il che significa che è necessario progettare una soluzione di gestione del cloud che tenga in considerazione gli obiettivi in termini di livello di servizio, governance e compliance.
Un mondo in divenire: continuare a guardare al futuro. Il cloud rende tutto rapido, il che può essere positivo. Prima di implementare un ambiente IT cloud-based le organizzazioni devono però garantire che le infrastrutture, l’organizzazione stessa e i processi siano preparati e pronti ad adattarsi al ritmo rapido e al cambiamento che la trasformazione del cloud ibrido comporta.
In conclusione, se si cerca un modo per ottimizzare la propria organizzazione bisogna riconoscere che le strategie cloud possono raggiungere molti obiettivi: non solo in termini di riduzione dei costi e ristrutturazione dell’IT ma anche rispetto alla capacità di abilitare l’innovazione in azienda.
Tuttavia, solo prendendo in considerazione il business come un ecosistema che comprende molteplici aspetti e identificando le proprie esigenze, in particolare in termini di agilità, sarà possibile determinare e progettare una strategia cloud di successo.

Lascia un commento

Top