Huawei investe sui giovani con Seeds for the Future

Seeds for the Future

Huawei, realtà attiva nell’Information and Communication Technology (ICT), ha annunciato il proprio impegno, tra il 2016 e il 2020, a formare 2.000 studenti europei attraverso il suo programma Seeds for the Future rivolto ai giovani talenti del mondo ICT. Questo impegno, annunciato da Madame Chen Lifang, Corporate Senior Vice President e membro del Consiglio di Amministrazione Huawei, rappresenta il contributo che Huawei porterà allo European Pact for Youth e sottolinea la volontà dell’azienda di dare continuità alla sua missione di coltivare le competenze digitali degli studenti più promettenti d’Europa. L’annuncio dell’ulteriore sviluppo del principale progetto che Huawei ha messo in campo in ambito formativo già dal 2011 è stato fatto in occasione dell’Enterprise 2020 Summit (16-17 novembre, Bruxelles) organizzato da CSR Europe e sponsorizzato, tra gli altri, da Huawei.

L’evento, che ha visto coinvolti i principali leader europei, dirigenti aziendali ed esperti di CSR, ha l’obiettivo di evidenziare come l’innovazione delle aziende possa apportare benefici di lungo termine anche a livello sociale. Lo European Pact for Youth guiderà questo processo grazie a opportunità di formazione sul campo che aiuteranno a colmare il divario tra le competenze acquisite durante gli studi e quelle richieste dal mercato del lavoro nell’attuale scenario economico dell’Europa digitale. L’obiettivo è anche quello di promuovere collaborazioni tra mondo dell’istruzione e mondo delle aziende per preparare adeguatamente i giovani al nuovo ecosistema digitale, fornendo loro le competenze necessarie per inserirsi con successo in un mercato del lavoro sempre più globale guidato dalla tecnologia.

Seeds for the Future, il programma CSR di Huawei declinato su scala globale, è il principale esempio degli sforzi compiuti dell’azienda per affrontare la sfida delle competenze digitali. Questo programma di alta formazione seleziona gli studenti più meritevoli per un viaggio di studio in Cina durante il quale i partecipanti potranno acquisire conoscenze e osservare in prima persona come opera una multinazionale del settore ICT, attraverso un’esperienza professionale interculturale.

Il programma attualmente coinvolge 57 Paesi di tutto il mondo. In Europa è attivo in 23 Paesi e oltre 500 giovani vi hanno già partecipato sin dal suo lancio avvenuto nel 2011. Nel corso dei prossimi cinque anni, 2.000 studenti europei avranno la possibilità di studiare e acquisire esperienza presso le sedi di Huawei in Cina, a conferma del forte impegno dell’azienda a far crescere sempre più questa iniziativa. L’annuncio di oggi riflette anche l’intenzione di Huawei di continuare a investire in Europa, approccio già supportato dall’impegno dell’azienda a investire almeno il 10% del proprio fatturato annuale in Ricerca e Sviluppo.

Altre iniziative di Huawei atte a promuovere la formazione in ambito ICT in Europa sono il concorso InnoApps, che incoraggia i giovani europei a sviluppare applicazioni per i dispositivi mobili, e l’Huawei Innovation Research Programme (HIRP), attraverso cui Huawei ha stabilito partnership con 120 università e istituti di ricerca in tutta Europa. Nel 2014, Huawei si è anche unita alla campagna della Commissione Europea eSkills for Jobs.

Il vertice Enterprise 2020 fa seguito al lancio del manifesto di CSR Europe Enterprise 2020, che nel giugno del 2015 invitava i leader europei a promuovere una crescita sostenibile e la creazione di una società inclusiva.

Lascia un commento

Top