Il 25 marzo a Milano tutti al parco a lavorare

Più tempo per sé, più qualità della vita, più produttività, meno stress e meno inquinamento. Sono questi gli obiettivi della seconda giornata del lavoro agile, che quest’anno si terrà mercoledì 25 marzo a Milano e nei comuni dell’hinterland.

Scopo di questa giornata la promozione dello smartworking (lavoro agile, appunto), un nuovo metodo professionale che non si basa sulla presenza di una postazione fissa in ufficio, ma spinge per il lavoro da casa, per le postazioni in co-working o, grazie alle reti pubbliche del capoluogo lombardo, anche a incentivare il lavoro da luoghi pubblici: bar, parchi, palestre.

L’iniziativa è pensata per le aziende private, gli enti pubblici e gli studi professionali che vogliano far sperimentare ai propri lavoratori modalità di “lavoro agile” o che hanno già acordi attivi in questo senso.

Saranno verificati i vantaggi di questa modalità di lavoro alternativa in termini di benefici per i lavoratori e le lavoratrici (risparmio di tempo) e per l’ambiente (riduzione delle emissioni di CO2 e PM10, del traffico, dei consumi energetici) con la collaborazione di AMAT (Agenzia Mobilità Ambiente e Territorio s.r.l.).

La Giornata del Lavoro Agile è promossa dal Comune di Milano insieme con ABI, AIDP, Anci Lombardia, Assolombarda, CGIL Milano, CISL Milano Metropoli, UIL Milano e Lombardia, SDA Bocconi School of Management, Unione Confcommercio Milano Lodi Monza e Brianza, Valore D.

1° edizione – Svoltasi il 6 febbraio 2014 ha visto l’adesione di più di 100 tra aziende ed enti, ha permesso a lavoratori e lavoratrici che vi hanno partecipato di risparmiare circa 2 ore in un giorno e ha ridotto dell’1% l’inquinamento del traffico stradale a Milano, pari a 32 tonnellate circa di anidride carbonica.

Lascia un commento

Top