Scommesse online: qual è il sito più veloce?
63 milioni di giocate solo per i Mondiali

williamhillscreen1Il monte delle scommesse online per i Mondiali di Calcio ha raggiunto fino ad ora quota 62,88 milioni di euro, circa un terzo di quelli raccolti dal mercato del gioco (fonte: Agimeg). Per le agenzie di scommesse sportive via web diventa fondamentale che i tempi di risposta siano rapidi, per non correre il rischio che il portale venga abbandonato dal giocatore a favore di un sito concorrente. Per analizzare le performance dei siti Internet abitualmente utilizzati dagli scommettitori italiani durante i Mondiali di Calcio, Compuware ha effettuato test su un panel selezionato di portali nel periodo dal 24 giugno al 7 luglio prendendo in esame i tempi di risposta e la disponibilità. Ecco i risultati:

Velocità: l’importanza di tempi di risposta affinché il sito non venga abbandonato.

Nell’analisi Compuware, il sito che si è posizionato al primo posto registrando i tempi di risposta più rapidi è WilliamHill, con 2,52 secondi, seguito da Eurobet con 5,02 secondi. Appena sopra i 7 secondi Sisal: un dato significativo se si tiene in considerazione che quando i tempi di caricamento di una pagina si avvicinano ai sei secondi il tasso di abbandono degli utenti può raggiungere percentuali del 33%. Superano invece gli otto secondi in termini di tempo di risposta siti come Snai, Lottomatica, Bwin.

Disponibilità: la garanzia di giocare senza intoppi

Dal punto di vista della disponibilità, ovvero della percentuale di test completati con successo su un totale di tentativi ‘prova’ in un determinato periodo, le prestazioni dei siti internet presi in esame sono soddisfacenti, con la quasi totalità dei siti che supera il 99% di disponibilità. WilliamHill si conferma al primo posto, con il 99,71% di disponibilità, seguito subito dopo da Sisal con il 99,45% e Bwin con il 99,39%. Chiude la classifica Snai, che regista un 98,99%. “La tolleranza dei consumatori nei confronti di prestazioni scadenti dei siti web è molto bassa. Nel percorso dell’utente sul sito web, c’è un’evidente correlazione tra le performance del sito e l’abbandono della pagina e questo ha un evidente impatto sul business,” dice Emanuele Cagnola, APM sales director di Compuware Italia. “E’ necessario disporre di strumenti di ottimizzazione delle performance che forniscano una visibilità piena e una visione unificata delle prestazioni delle applicazioni, per prevenire qualsiasi errore che possa avere un impatto negativo sulla soddisfazione del cliente.”

Lascia un commento

Top