Sovraindebitamento: che fare? OANC si mobilita

Sovraindebitamento: OANC Obiettivo Associazione Nazionale Consumatori al fianco delle gente indebitata tramite la Legge3/2012 si da da fare.

OANC Obiettivo Associazione Nazionale Consumatori nasce in Campania, da i due fondatori Dott.Paolo Binetti e Dott.Dario Vairo commercialista e consulente specializzati in materia bancaria e finanziaria , trattative stragiudiziali e Legge 3/2012 sul sovraindebitamento . Tra le priorità dell’associazione vi è quella di informare e aiutare chi si trova in difficoltà economiche sulle possibilità che offre la legge 3/2012.

La “legge salva-suicidi” permette a chi è in gravi difficoltà economiche ( famiglie e piccole aziende) di rinegoziare i propri debiti contratti con banche, fornitori e persino con l’ex Equitalia, permettendo ai privati cittadini di non subire espropri. La legge 3/2012, varata per contrastare i devastanti effetti che la crisi economica ha avuto su molti privati cittadini, stretti in una morsa fatta di disoccupazione, riduzione dell’attività lavorativa e scadenze da onorare alle quali non si riesce più a far fronte anche a causa di eventi eccezionali. Anche le famiglie possono fallire. Ma a differenza delle grande aziende non hanno il “privilegio” di portare i libri in tribunale. In altre parole, quando il livello di indebitamento ormai insostenibile le conduce dritte al default, le loro sorti saranno nelle mani dei creditori (se non degli strozzini) senza nessuna protezione .Se una famiglia non ce la fa più a pagare rate e bollette viene trascinata in tribunale dai suoi creditori e rischia di perdere tutto incluso la CASA.

Viene quindi introdotto un meccanismo, simile a quello in vigore da tempo negli Usa, che dà possibilità anche ai privati di concordare con i creditori un piano di ristrutturazione del debiti e arrivare alla “esdebitazione” definitiva: Chiudere una volta per tutte i conti con i creditori. Un meccanismo simile al concordato preventivo, la procedura con cui l’imprenditore ricerca un accordo con i suoi creditori per non essere dichiarato fallito comunque per cercare di superare la crisi temporanea della sua azienda. A chi si applicano le procedure di composizione della crisi? I soggetti che possono accedere alla procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento sono i debitori a cui non si applica la legge fallimentare per cui:
Consumatori, se estranei all’attività imprenditoriale o professionale;
Imprenditori commerciali sotto soglia o che hanno cessato l’attività da più di 1 anno;

Accedere a questa legge che si chiama legge sul sovraindebitamento paradossalmente ha dei costi molto elevati ( consulenti ,OCC e legali) L’obiettivo di OANC è di informare e portare per mano coloro che vivono un momento difficile , avendo come obiettivo la risoluzione della problematica .

Chiaramente se il sovraindebitato non ha piu’ un reddito e non lavora l’unica soluzione se è possessore di una casa con accesa ipoteca , sarà richiedere tramite la legge 3/2012 la liquidazione del patrimonio che, a differenza di un’eventuale vendita all’asta, libererà il soggetto dal debito parziale non restituito alla Banca. Cosa succede esattamente? Il debitore che non può più fare fronte alle obbligazioni assunte in precedenza decide di liquidare tutto quello che è il suo patrimonio, non avendo quindi la possibilità di riuscire a formulare una proposta di rientro per tutti i creditori. La sua unica scelta è quella di dover far fronte alla vendita del suo patrimonio, come ad esempio quello immobiliare, per riuscire a fare fronte a tutti quei debiti pregressi attraverso la vendita.
La liquidazione del patrimonio è estremamente semplice: l’organismo di composizione della crisi (O.C.C.) stipula insieme e di intesa con il consumatore debitore una valorizzazione dei propri beni, sia mobili che immobili, e conclude un contratto per venderli e riuscire a ripianare, in tutto o in parte, i debiti contratti.
Una volta che la liquidazione del patrimonio del consumatore è stata omologata, ci dovrà essere il consenso delle banche che hanno iscritto ipoteche, nel caso ne esistano. Questo vincola la libera vendita del bene immobile e l’inizio delle procedure esecutive volte alla vendita coattiva, ossia alla vendita all’asta dei beni immobili.
A vendita avvenuta è quindi possibile, tramite l’omologazione ottenuta in precedenza e grazie al tribunale, ridistribuire le somme ricavate. In questa maniera il consumatore debitore, avendo sanato la situazione dei contratti non rispettati nei confronti di tutti creditori, è riuscito a raggiungere l’esdebitazione, cioè quella particolare forma prevista dalla legge che permette di avere nuovamente accesso al credito dopo che queste procedure concorsuali si sono concluse.

Top