Il Salone della Csr si chiude con 4000 presenze e buoni propositi

Salone Csr

La Responsabilità Sociale d’Impresa, è a una svolta, dopo 15 anni di azioni e progetti realizzati da aziende virtuose ma anche di casi che hanno tradito la fiducia di consumatori, sembra giunto il momento in cui la Csr entri integralmente nelle strategie di business d’impresa.

Questo in sintesi il commento finale del 3° Salone della CSR e dell’innovazione sociale, che si è svolto all’Università Bocconi di Milano.

 

Ne hanno parlato, fra gli altri, alcune grandi imprese da tempo impegnate nel settore, come Autogrill, Lavazza, Pirelli e Reale Group. E lo hanno testimoniato con le loro esperienze le 111 organizzazioni che hanno interagito con i partecipanti alla due giorni milanese, un appuntamento che è diventato ormai da tempo il punto di riferimento nazionale sui temi della sostenibilità e dell’innovazione sociale.

Al Salone non si è solo parlato di un nuovo approccio alla sostenibilità ma è stata anche offerta ai partecipanti l’occasione di progettare azioni strategiche di CSR grazie al CSR Business Game, uno strumento di simulazione ideato da Animaimpresa col quale le persone possono gestire un’impresa virtuale compiendo le azioni di CSR che ritengono più strategiche. Il game fornisce un modello utile per capire gli effetti e i vantaggi delle politiche e delle pratiche di sostenibilità per l’impresa, i suoi stakeholder, la comunità e l’ambiente.

E a Milano sono stati premiati anche i vincitori del Salone della Csr e dell’innovazione sociale. Tra le oltre 120 imprese che hanno partecipato al concorso Impresa responsabile, sono state premiate Coopselios (categoria grandi imprese), Guna (categoria PMI) e Al.va. (categoria start up).

 

Lascia un commento

Top