Sace porta 20 ospedali turchi a caccia tecnologie italiane

DSC_0897

Sace (Gruppo CDP) ha organizzato un incontro per le imprese italiane con una delegazione di operatori privati e istituzioni pubbliche turche del settore sanitario.

L’evento, che ha visto la partecipazione di rappresentanti del Ministero della Salute turco, è stato l’occasione d’incontro con numerosi gruppi ospedalieri privati turchi – con un portafoglio esistente di oltre 20 ospedali e ambiziosi piani di sviluppo – interessati all’acquisto di tecnologie, know how e beni italiani. All’incontro Sace hanno inoltre partecipato anche alcuni degli operatori italiani già presenti sul mercato turco, in grado di dare una testimonianza diretta sulle opportunità che il Paese può offrire alle nostre imprese.

LA TURCHIA VUOLE POTENZIARE IL SETTORE OSPEDALIERO

Al 16° posto tra le maggiori economie mondiali e con una crescita economica stabile, la Turchia rappresenta un mercato strategico per l’Italia, che ha visto raddoppiare, dal 2008 a oggi, le proprie esportazioni fino ad arrivare a circa 10 miliardi di euro. Il settore sanitario turco è tra quelli con le migliori prospettive per il nostro Made in Italy. Il Governo turco, in vista del centenario della Repubblica nel 2023, è infatti impegnato in un massiccio programma di potenziamento delle infrastrutture legate al settore ospedaliero, attraverso la costruzione di decine di poli ospedalieri altamente tecnologici in tutto il Paese.

L’iniziativa rientra nel programma di Advisory di Sace, nato con l’obiettivo di mettere a disposizione il know how maturato nei Paesi emergenti in quasi 40 anni di attività e un’ampia gamma di servizi “a misura” di Pmi: seminari formativi, servizi di advisory per individuare i mercati e i settori a maggior potenziale e concrete opportunità di business, incontri di business-matching e assistenza in loco attraverso l’ufficio di Istanbul, attraverso il quale SACE è intervenuta a supporto di numerose operazioni nell’area ed è sempre pronta ad accogliere nuove sfide per il futuro, al fianco delle imprese.

Lascia un commento

Top