SACE e Assocomaplast a favore dei produttori di macchinari per la lavorazione della plastica

FOTO_ASSOCOMAPLAS2

SACE mette a disposizione del comparto plastica che crescerà dell11,1% nei prossimi due anni, trainato da un mix di mercati tradizionali e di frontiera, nuovi strumenti assicurativo-finanziari.

SACE rafforza l’accordo di collaborazione con Assocomaplast per sostenere la competitività internazionale delle imprese costruttrici di macchine per la lavorazione della plastica e della gomma, mediante un più facile accesso ai prodotti assicurativo-finanziari. La collaborazione mira a consolidare il trend di crescita estera di un comparto che, secondo le stime dell’Ufficio Studi di SACE, potrà mettere a segno un aumento dell’11,1% nei prossimi due anni, sia nei mercati di riferimento tradizionali sia verso nuove aree geografiche.
SACE offrirà alle imprese Assocomaplast strumenti e servizi di consulenza per affrontare  l’intero processo d’internazionalizzazione: assicurazione delle vendite dal rischio di mancato pagamento, smobilizzo dei crediti, accesso a finanziamenti per l’internazionalizzazione, protezione degli investimenti esteri dai rischi politici, servizi di valutazione del rischio delle controparti e dei diversi mercati esteri a elevato potenziale.

UN COMPARTO IN CONTINUA CRESCITA

In quest’ultimo ambito SACE metterà a disposizione la nuova Mappa dei Rischi 2016, per orientare le imprese verso i mercati più promettenti, sia ore di formazione in aula, con una prima sessione dedicata all’Iran in vista della missione di categoria pianificata per il prossimo maggio. “Il nostro impegno al fianco di Assocomaplast ha come obiettivo sostenere la crescita di un comparto di eccellenza del nostro tessuto imprenditoriale”, ha detto Simonetta Acri, managing director responsabile rete domestica SACE. “Dopo aver registrato tassi di crescita significativi negli ultimi anni, il settore mantiene un ampio potenziale da esprimere: oltre che in regioni tradizionali come l’Area Euro e gli USA, dove possiamo contribuire a mettere in campo dilazioni di pagamento competitive, anche geografie selezionate nel sub-continente indiano e soprattutto nuove opportunità come Iran e Cuba, dove la partnership con SACE può davvero fare la differenza”.

TUTTI A IRANPLAST IN PROGRAMMA DAL 13 AL 17 APRILE

AR-150929957L’Iran è sempre stato, fino all’introduzione delle sanzioni, uno dei principali paesi di destinazione dell’export italiano di macchine, attrezzature e stampi per materie plastiche e gomma. Dal 2000 le vendite al paese sono costantemente cresciute, raggiungendo il massimo nel 2005 con poco meno di 70 milioni di euro. Anche nel periodo delle sanzioni, i flussi, seppur in sensibile contrazione, non si sono mai arrestati: i dati relativi ai primi 9 mesi del 2015 evidenziano un valore di oltre 11 milioni. Non a caso, sono numerose le aziende italiane che partecipano alla prossima edizione della mostra di settore IRANPLAST, programmata a Tehran dal 13 al 17 aprile 2016, con richieste di spazi che vanno ben oltre alla limitata disponibilità offerta dagli organizzatori, a fronte delle diverse presenze collettive internazionali.

Lascia un commento

Top