Una rivoluzione per i pagamenti dei servizi comunali
Con Pay Box il Comune incassa subito e spende meno

pay-box logo webL’idea originaria è di 15 anni fa.  Roberto Casati, ora socio di Pay Box, aveva ideato il sistema innovativo T-Serve sviluppato insieme al Comune di Prato e successivamente adottato con grande soddisfazione da altre amministrazioni pubbliche come Vigevano e Pisa con consistenti risparmi calcolabili in milioni di euro.L’esperienza maturata ha consentito di individuare nuove esigenze innovando in modo significativo l’intero sistema e dando luogo alla nascita del Pay Box (domanda di brevetto PO/2013/U/004 del 18/02/2013). In sintesi si tratta di una piattaforma tecnologica digitale evoluta raggiungibile attraverso interfaccia web che consente a tutti i cittadini e alle imprese di pagare comodamente i servizi erogati dai Comuni presso sportelli appositamente abilitati (es.: tabaccherie e pubblici esercizi locali) o tramite accesso diretto al web.

Il Comune di Bientina (Pi), ha già adottato il servizio Pay-Box – Il Comune in un Click  – www.pay-box.it.  “Un sistema che permette ai cittadini di pagare i servizi dei Comuni aderenti, e alle amministrazioni comunali di avere le proprie banche dati costantemente aggiornate con conseguente risparmio di tempo e denaro e assoluta certezza del pagamento effettuato anche da parte del cittadino o da chi ha utilizzato il servizio erogato”, dice Andrea Carboni, socio di Pay Box insieme a Roberto Casati. Il servizio agisce su piattaforme web aperte. Il cittadino può quindi pagare agevolmente dal pc di casa o presso i vari Point autorizzati (a Bientina sono attivi la Tabaccheria Conti e l’Edicola Gabbani). Nel comune toscano Pay-Box è stato attivato per pagare l’occupazione del suolo pubblico, i diritti di segreteria, mercati e fiere, ecc., ma il sistema può gestire ogni tipologia di pagamento, con la stessa semplicità come matrimoni, funerali.

L’accesso alla piattaforma evoluta Pay-Box è concesso in comodato d’uso in modo da evitare al Comune di doversi impegnare in investimenti onerosi e periodici aggiornamenti tecnologici. image (1)Enzo Stefanelli, (a destra nella foto) titolare della Tabaccheria Conti di Bientina descrive Pay-Box come un servizio di facile utilizzo nonché semplice e completo. “I tanti cittadini che stamani si sono recati a pagare l’occupazione temporanea del suolo pubblico sono stati molto soddisfatti. Finalmente un servizio che consente di pagare comodamente in contanti presso i punti vendita del territorio. Gli antiquari del noto mercato di Bientina, per esempio, fino a qualche giorno fa potevano pagare solo alle Poste che però il sabato pomeriggio e la Domenica sono chiuse. Con Pay Box possono pagare il tributo direttamente in tabaccheria.

Entro la fine di giugno attraverso un sistema interbancario sarà possibile attivare un bonifico al comune in tempo reale. Oppure si paga attraverso Internet il cittadino autonomamente potrà accedere al comune per pagare dal passo carrabile alle mense scolastiche, occupazione suolo pubblico ma anche diritti di segreteria,  diritti di istruttoria (crediti non attesi),  diritti per le affissioni, lampade cimiteriali, loculi, e servizi connessi, ordinanze e ingiunzioni; posteggi per i mercati; autorizzazioni ZTL. La Confesercenti di Pistoia ha appoggiato il progetto e diffuso l’iniziativa a tutti i sindaci dei comuni della provincia.

Lascia un commento

Top