Ricerca EUIPO: giovani europei fuorilegge sul Web

hacker connected car

Da una ricerca realizzata dall’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO) emerge che un quarto dei cittadini dell’UE di età compresa tra i 15 e i 24 anni ha utilizzato intenzionalmente fonti illegali per accedere a contenuti online negli ultimi 12 mesi.

La maggior parte di loro afferma di farlo perché gratis o più conveniente che accedere a contenuti provenienti da fonti legali. Film e serie TV risultano i tipi di contenuti provenienti da fonti illegali ai quali i giovani hanno avuto maggiormente accesso, seguiti da musica e giochi.
Quasi uno su quattro degli intervistati ritiene che accedere a contenuti digitali da fonti illegali per uso personale non costituisca niente di irregolare e un terzo ritiene che i contenuti da fonti illegali siano più facili da trovare e di più rapido accesso rispetto a contenuti provenienti da fonti legali.
6 su 10 giovani europei affermano che smetterebbero di utilizzare fonti illegali per accedere a contenuti digitali se fossero disponibili contenuti da fonti legali a condizioni più accessibili.

NO AI PRODOTTI CONTRAFFATTI ONLINE

La ricerca mostra anche una netta differenza di atteggiamento tra i giovani che accedono illegalmente a contenuti digitali e quelli che acquistano prodotti contraffatti online.
Solo il 12 % degli intervistati ha affermato di aver acquistato intenzionalmente prodotti contraffatti online negli ultimi 12 mesi, per lo più abbigliamento, accessori e calzature contraffatti e la metà di essi ha affermato di averlo fatto perché più economico rispetto all’acquisto del prodotto originale.
Tuttavia, la stragrande maggioranza dei giovani non acquista prodotti contraffatti online. Oltre la metà di tutti gli intervistati afferma di non fidarsi dei siti che vendono prodotti contraffatti e il 20 % dice di aver paura che i propri dati siano utilizzati in modo improprio, qualora effettuino un acquisto.

Lascia un commento

Top