Annunci case e classi energetiche: promosse solo Trentino e Veneto

annuncio-casa (500x353)

Dal 1° ottobre di quest’anno sono entrati in vigore i nuovi decreti del Ministero dello Sviluppo Economico che completano il quadro normativo in materia di prestazioni energetiche degli edifici: il Decreto Legge “Linee guida per la certificazione energetica degli edifici”, oltre a contenere la nuova disciplina per l’Attestazione della Prestazione Energetica degli Edifici (APE 2015) e a portare da 7 a 10 le classi energetiche, definisce uno schema di annuncio di vendita e di locazione che uniforma le informazioni sulla qualità energetica degli edifici e istituisce un database nazionale dei certificati energetici (SIAPE).

Un tema importante, visto che secondo un’analisi effettuata da Casa.it sull’offerta immobiliare presente nelle grandi città italiane – che costituisce oltre il 50% del totale delle abitazioni in vendita nel nostro Paese – gli annunci che riportano la classe energetica dell’appartamento in vendita rappresentano solo il 57% del totale, mentre per oltre il 40% delle abitazioni in vendita non viene fatto cenno alcuno alla classe di appartenenza. E per gli immobili in affitto la percentuale di annunci che riporta la presenza di certificazione energetica scende addirittura al 34% del totale.

Dall’analisi geografica si evince che le Regioni più virtuose sono quelle del Nord Est con Trentino Alto Adige e Veneto a guidare la classifica, mentre nel Sud del Paese il tema della certificazione e del risparmio energetico sembra non avere fatto ancora breccia. In generale nei primi 9 mesi del 2015 si rileva una crescita positiva degli immobili in vendita e in affitto corredati di APE, con un aumento del 25% per gli immobili in vendita e del 21% per quelli in affitto rispetto allo stesso periodo del 2014.

A circa 4 anni dall’introduzione della normativa sulla certificazione energetica obbligatoria, l’analisi effettuata da Casa.it dimostra l’impatto che la stessa sta avendo sui valori di vendita delle case e, soprattutto, se il fattore del risparmio energetico sta influenzando o meno le scelte dei potenziali acquirenti. Sulla base delle specifiche richieste che giornalmente arrivano sul portale di Casa.it si nota che i fattori che influenzano significativamente la decisione di acquisto sono nell’ordine: la zona in cui si trova l’immobile, il prezzo e la presenza o meno di un box o di un posto auto. La rilevanza della classe energetica relativa a un appartamento usato sopravanza solamente la presenza di doppi servizi nella casa. In sintesi, a oggi la domanda sembra essere più sensibile al tema dell’efficienza energetica quando si tratta di acquistare una casa di nuova costruzione, mentre quando la ricerca si focalizza su appartamenti usati o da ristrutturare a incidere maggiormente sulla decisione d’acquisto è la “location” dell’unità immobiliare.

“La crisi della domanda e la conseguente flessione delle compravendite, in particolare per gli immobili costruiti negli ultimi 15 anni nei Comuni dell’hinterland delle grandi aree metropolitane, sta incidendo sulla revisione al ribasso dei valori di vendita”, afferma Alessandro Ghisolfi, responsabile del Centro Studi Casa.it. “Insomma sta restringendo la forbice fra il prezzo di una abitazione nuova certificata in una delle prime tre classi e quello di una abitazione usata ma ristrutturata, localizzata nello stesso quartiere, che potrebbe essere di una classe inferiore. Nelle città, invece, il gap fra i prezzi tra nuovo certificato nelle prime tre classi e usato di classe inferiore è percepito come meno importante, e ciò che convince l’acquirente a optare per un appartamento in classe A invece che in classe D o F è il risparmio reale che si ottiene in termini di consumi energetici legati soprattutto al riscaldamento o al raffreddamento dell’immobile”.

Lascia un commento

Top