Registrare un odore? Si può

La registrazione di un odore è stata richiesta dall’azienda Hasbro, titolare del marchio Play-Doh, per intenderci la famosa pasta colorata modellabile diffusa in tutto il mondo.

A cura di Rob Davey Global Services di CompuMark.

Infatti intuendo l’opportunità di rafforzare ulteriormente il proprio brand, Hasbro ha presentato una richiesta di registrazione per il profumo del Play-Doh. Insieme alla domanda di registrazione, Hasbro ha inviato all’USPTO un barattolo di Play-Doh per permettere loro di odorarlo davvero. Di proprietà della Hasbro dal 1991, Play-Doh è forse uno dei giocattoli per bambini più diffuso e ci sono state così tante varianti del prodotto che sarebbe difficile elencarle tutte. Ma, per la prima volta, intuendo l’opportunità di rafforzare ulteriormente il proprio brand, Hasbro ha presentato una richiesta di registrazione per il profumo del Play-Doh. Insieme alla domanda di registrazione, Hasbro ha inviato all’USPTO un barattolo di Play-Doh per permettere loro di odorarlo davvero.

Sorprendentemente, questa non è la prima volta che una società ha provato a registrare l’odore di un prodotto. Secondo Mental Floss, il primo caso di successo è avvenuto nel 1990, quando una società californiana, chiamata OSEWEZ (la cui pronuncia è “oh sew easy”) ha registrato un “filo da ricamo al profumo di plumeria” dopo aver discusso il caso di fronte al Trademark Trial and Appeal Board (TTAB) dell’USPTO. Il successo della richiesta ha aperto le porte ad altre aziende che tentano la sorte registrando il proprio profumo, inclusa Hasbro stessa.

Ciò che non sorprende, tuttavia, è che l’odore è molto più difficile da registrare, rispetto ad un nome. Come indicato dall’Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale, un marchio deve essere in grado di fornire una rappresentazione visiva del profumo del prodotto per avere successo. Ma non è così semplice, infatti: “qualsiasi descrizione scritta di un odore deve essere così precisa che quel particolare odore non possa essere confuso con nessun altro”. Partendo da questo presupposto, Hasbro si è notevolmente impegnata per poter soddisfare questa richiesta, descrivendo l’odore di Play-Doh come “un profumo unico, formato dalla combinazione di una fragranza di vaniglia, dolce, leggermente muschiata, con lievi sfumature di ciliegia e l’odore naturale di impasto salato a base di grano”.

Un altro fattore fondamentale nella registrazione di qualsiasi odore come marchio, è che non deve derivare dalla natura del prodotto stesso. Per esempio, è notoriamente difficile registrare l’odore di un profumo, perché l’odore è il prodotto. È qui che la descrizione dell’odore diventa davvero cruciale per la domanda di registrazione, dal momento che deve convincere i responsabili della decisione che l’odore è solo un accompagnamento del prodotto stesso.

Lascia un commento

Top