A Firenze creato il ponte tra banche e imprese

Firmatari_bancheimprese (650x371)

Per la prima volta in Italia istituzioni, banche e consorzi fidi presentano insieme un programma per favorire il rapporto fra istituti di credito e imprese, strutturato in tre step e pensato per colmare la distanza tra le pmi e il mondo bancario. E’ questo il progetto Un ponte tra banche e imprese, presentato questa mattina all’’Opera del Duomo di Firenze da Leonardo Bassilichi, presidente della Camera di Commercio di Firenze, Claudio Bianchi, presidente di PromoFirenze e dai responsabili di 17 fra istituti di credito e consorzi fidi operanti nell’’area fiorentina: Banca Monte dei Paschi di Siena, Banca CR Firenze, BNL, Unicredit, BPER Banca, Banca di Cambiano, Banca di Vignole e Montagna Pistoiese, Banca Popolare di Vicenza, UBI-BPCI, Cassa di Risparmio di Lucca Pisa Livorno, Banca del Mugello, Banca Intermobiliare, Artigiancredito Toscano, Confidi Imprese, FidiToscana, Italia Comfidi, Centro Fidi.

Il primo step del progetto prevede un programma di formazione per diffondere una maggiore cultura economico finanziaria tra le pmi fiorentine. Camera di Commercio di Firenze ha allestito un’offerta formativa su temi d’interesse economico, finanziario e bancario, come l’’accesso alla finanza agevolata, il merito creditizio, la funzione dei confidi, la redazione di un business plan: il primo seminario si svolgerà giovedì 9 luglio alle 15 nell’’area di coworking Libri Liberi Sit’n’Breakfast, in via San Gallo 25/R a Firenze.

Il secondo step riguarda l’’orientamento vero e proprio, sempre gratuito e riservato agli imprenditori, svolto da esperti messi a disposizione dagli istituti di credito e dai consorzi fidi su tematiche specifiche come le garanzie reali e personali, la gestione del patrimonio, il credito per l’’internazionalizzazione, il merito creditizio e la ristrutturazione del debito, leasing, factoring. Gli incontri, attivabili da subito online tramite appuntamento, sono individuali.

Il terzo step riguarda la possibile attivazione di plafond dedicati a specifici progetti del sistema camerale individuati in collaborazione con ogni banca o consorzio fidi, secondo le proprie peculiarità. Si tratta di prodotti ad hoc da destinare a precise iniziative di sviluppo, inerenti per esempio la digitalizzazione, l’’internazionalizzazione o l’’acquisizione di diritti di proprietà intellettuale da individuare con la collaborazione di PromoFirenze.

Infine, Camera di Commercio di Firenze sta lavorando con le 17 banche aderenti al progetto anche per creare un database complessivo nel quale gli imprenditori possano scegliere in un unico luogo virtuale il prodotto finanziario giusto per la propria impresa.

Lascia un commento

Top