Il business delle due ruote pedala verso Verona

 

“Non è solo uno sport: è uno stile di vita che abbraccia temi come il benessere, il turismo e la mobilità sostenibile. Ed è un business internazionale che deve ritrovare nelle prime posizioni le aziende italiane”. È da questa considerazione che Ettore Riello, presidente di Verona Fiere, ha introdotto alla stampa la prima edizione del Cosmo Bike Show, l’evento dedicato alla bicicletta che si terrà dall’11 al 14 settembre presso la Fiera di Verona e che vede già iscritte oltre 400 aziende.

Nel Bianchi Cafè di Milano, sono stati snocciolati i numeri di un mercato che genera, solo per le aziende produttrici, ricavi per circa un miliardo di euro. L’Italia, infatti, è il primo produttore europeo: nel 2013 le aziende hanno esportato 1,7 milioni di pezzi (+37% rispetto all’anno prima), su un totale di 2,6 milioni di biciclette prodotte.

E a questi vanno sommati i ricavi dell’indotto: componenti per le biciclette, integratori, abbigliamento.

“Grazie alla partnership con Taipei Cycle Show, sarà una fiera internazionale, lanciata nell’anno dell’Expo e che promuoveremo anche all’interno del salone del vino dell’esposizione universale”, rilancia Giovanni Mantovani, direttore generale di Verona Fiere. “Ciò fara sì che a Verona accorreranno non solo i cicloamatori o gli agonisti, ma anche i semplici appassionati: ci candidiamo a organizzare una fiera orizzontale, che abbraccia tutti i settori della bicicletta”.

Tra cui spicca il turismo, uno di quei settori che, se ben sfruttati, potrebbe far tornare a correre l’economia italiana. Un’esagerazione pensare che la bicicletta possa contribuire? No, se si pensa che la ciclabile sul Danubio in Germania genera 71 milioni di euro l’anno.

“Per questo motivo abbiamo lanciato l’Italian green road award, un premio per incoronare la strada verde più bella d’Italia: ogni regione sarà chiamata a indicarne due e una nostra giuria, composta da giornalisti, esperti e associazioni di categoria sceglierà quale sia la migliore”, spiega Paolo Coin, responsabile del progetto per Verona.

Nel corso della quattro giorni veronese, si affronteranno anche i temi dell’educazione stradale, della mobilità urbana e dell’ebike, oltre ovviamente a presentare i pezzi pregiati dell’industria italiana.

Lascia un commento

Top