Pmi: corrono le startup innovative

(FOTO RIPRESA CON TECNICA ESPOSIZIONE MULTIPLA) Presentazione in anteprima mondiale del nuovo robot "RACER 3" prodotto da COMAU presso il Castello di Rivoli, Torino, 17 Giugno 2015 ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

Le Pmi che innovano e si lanciano in settori dal contenuto tecnologico avanzato sono in forte crescita, mandando in soffitta l’immagine della piccola impresa familiare che più tradizionale non si può anche dal punto di vista del prodotto proposto.
Lo dimostrano i numeri di un report di Unioncamere-Infocamere: a fine marzo, il numero di startup innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle imprese era pari a 3.711, in aumento di 532 unità rispetto alla fine di dicembre (+16,7%).
Le startup rappresentano lo 0,25% del quasi milione e mezzo di società di capitali italiane. Un piccolo drappello che rappresenta la punta di diamante innovativa del tessuto produttivo della piccola e media impresa. Nelle 1.152 startup con dipendenti lavorano 3.025 persone, in media 2,63 dipendenti per ogni impresa, ma almeno la metà delle startup non supera il singolo dipendente.
Forte la presenza di giovani. Le startup a prevalenza giovanile sono 879, il 23,7% del totale, quasi quattro volte superiore rispetto alle società di capitali giovanili (6,4%). Le donne ci sono (le startup a forte impronta rosa sono 477, il 12,9% del totale), ma in misura inferiore rispetto alle società di capitali, (16,4% del totale). Le aziende a prevalenza straniera sono 88, il 2,4% del totale, meno di quanto accade per le società di capitali estere (3,9%). Tuttavia le imprese in cui almeno uno straniero è presente nella compagine societaria e/o nell’organo amministrativo sono il 12,9% del totale, superiore rispetto alle società di capitali (10,1%).
Tra le regioni – indica ancora il report a firma Unioncamere-Infocamere – a guidare è la Lombardia, che ospita il numero maggiore di startup di settore: 808, pari al 21,8% del totale. Seguono l’Emilia-Romagna con 451 (12,2%), il Lazio 347 (9,4%), il Veneto 274 (7,4%) e il Piemonte 266 (7,2%). In coda alla classifica, Basilicata con 20, Molise con 16 e Valle d’Aosta con 10 startup.

Lascia un commento

Top