Piteco e Unicredit per l’evoluzione della firma digitale

firma-digitale

Unicredit ha scelto Piteco per unire le rispettive soluzioni informatiche e creare un servizio integrato in materia di sistemi di pagamenti informatici, in grado di garantire la massima sicurezza in tutte le transazioni che aziende o gruppi industriali intendono disporre verso il Sistema Bancario. In particolare, il progetto ha visto coinvolti la piattaforma autorizzativa e dispositiva Piteco CBC – Corporate Banking Communication – e il sistema di servizi di electronic banking di UniCredit (UniWeb) – nello specifico la soluzione UniWeb 2.0 Plus – in un progetto innovativo che consente di inoltrare automaticamente verso le Banche del Consorzio CBI file già firmati digitalmente all’interno del tool aziendale PITECO CBC.

Nel dettaglio, l’integrazione tra CBC e UniWeb 2.0 Plus permette alle aziende di firmare digitalmente attraverso il CBC i file dispositivi e inviare a UniCredit file già firmati e certificati all’interno di un tool aziendale senza necessità di accedere al remote banking; questa integrazione permette a UniCredit di trasmettere in modo automatico gli ordini di pagamento firmati digitalmente alle altre banche passive, tramite la rete del Consorzio CBI.

“La firma digitale equivale alla firma autografa su carta e ha lo stesso valore legale; esiste già da qualche anno, ma negli uffici di tesoreria delle aziende si è venuto a creare un certo paradosso: la firma digitale fino a oggi non è stata utilizzata come strumento per certificare e autorizzare le disposizioni di pagamento inviate alle banche, in quanto – racconta Andrea Guillermaz, partner Piteco – le banche accettano file firmati digitalmente dalle aziende solo se la firma digitale viene apposta dopo il caricamento del file sul Corporate Banking della banca stessa, e non prima. Questo significava che il file nella tratta azienda-banca continuava a ‘viaggiare’ in una modalità poco sicura per tutto il tempo: con CBC, al contrario, si elimina all’interno dell’azienda la possibilità di violazione dei dati accentrando e controllando in un unico gestionale tutti i processi di autorizzazione delle disposizioni di pagamento aziendali e proteggendo i dati attraverso autenticazione sicura LDAP e tramite firma digitale”.

Lascia un commento

Top