Pensioni: ondata di ricorsi contro l’annullamento della rivalutazione

Ondata di ricorsi contro l’annullamento della rivalutazione delle pensioni. Sono oltre 5 mila i ricorsi presentati attraverso rimborsopensioni.it e la previsione è di superare quota 6 mila entro il 15 aprile. Più del 36% dei pensionati italiani in attesa di rimborso.

È in arrivo nei tribunali italiani una nuova ondata di ricorsi contro l’annullamento della rivalutazione delle pensioni. Sono già 5 mila quelli presentati in tutta Italia attraverso Rimborsopensioni.it, che ha prorogato al 15 aprile il termine per aderire alla prossimo ricorso cumulativo per soddisfare il sempre crescente numero di richieste. Al 31 dicembre, data entro cui presentare ricorso per evitare di far cadere in prescrizione il diritto al rimborso, potrebbero essere 6 milioni le persone che si saranno rivolte ai tribunali italiani: tanti sono infatti i pensionati interessati dalla sospensione della rivalutazione delle pensioni disposta dal Governo Monti con il decreto “Salva Italia” (circa il 36% dei pensionati italiani). Hanno diritto a chiedere il rimborso degli arretrati e la rivalutazione della propria pensione tutti i beneficiari di una pensione di importo uguale o superiore a 1.450 euro lordi al mese. Sul blocco dell’indicizzazione, dichiarato incostituzionale dalla Consulta (sentenza 70/2015 Corte Cost.), nel 2015 è intervenuto il governo Renzi, attraverso il D.L. 65/2015, che ha riconosciuto soltanto una parte degli arretrati (“bonus Poletti”) o, in molti casi, niente.

RESTITUIRE AI  PENSIONATI QUANTO DOVUTO

Il ricorso consiste nella richiesta al giudice competente di ritenere la non manifesta infondatezza della questione di legittimità costituzionale dell’art 1 comma 1 del d.l. 65/2015, convertito in legge n. 109/2015, e di rinviare la causa alla Corte Costituzionale. Qualora la Consulta dichiari l’illegittimità costituzionale della norma, il giudizio sarà praticamente vinto e si avrà diritto alla ricostituzione della pensione secondo i parametri precedenti al decreto Renzi. “L’iniziativa Rimborsopensioni.it è nata per offrire un supporto tecnico-giuridico a tutti quei pensionati che hanno visto leso un loro diritto legittimo, aiutandoli a ottenere ciò che gli spetta sulla base di quanto disposto dalla Consulta”, commenta Silvia Malandrin di G.C.P. Gestione Crediti Pubblici.

Rimborsopensioni.it è un’iniziativa di G.C.P. Gestione Crediti Pubblici che, grazie alla consulenza legale dello Studio Legale Frisani, ha lo scopo di restituire ai pensionati quanto spetta loro a seguito della dichiarazione di incostituzionalità dell’articolo 24, comma 25 del D.L. 6 dicembre 2011 n. 201 da parte della Corte Cost. con sentenza n° 70 del 30/04/2015, attraverso ricorsi cumulativi di almeno 50 aderenti.

Lascia un commento

Top