Patent box: è lotta dura all’evasione

rsz_patent_box

Affiancare agli strumenti tributari “tradizionali”, come i crediti di imposta per ricerca e sviluppo o la disciplina di favore per le start-up innovative e provvedimenti nuovi come il patent box. Sono queste le proposte emerse durante l’incontro “Strumenti fiscali di rilancio economico” promosso dall’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano.

Il viceministro dell’Economia Enrico Zanetti, intervenuto nel corso del Forum, ha annunciato nuove misure di lotta all’evasione sul fronte Iva grazie all’uso della telematica e l’inserimento in manovra di una nuova voluntary disclosure, che potrebbe avere un ritorno di gettito di circa il 50% rispetto alla prima. Proseguendo sul tema della lotta all’evasione fiscale, Zanetti ha dichiarato che, a suo avviso, “la banconota da 500 euro non ha ragione di esistere”. “È ormai consapevolezza di tutti che la spinta alla ripresa economica non può essere affidata solo alla politica monetaria”, ha detto Alessandro Solidoro, presidente dell’Odcec Milano (nella foto). “Il sistema tributario può e deve orientare le decisioni delle imprese e dei consumatori verso scelte che siano un volano di crescita. I commercialisti sono al fianco del Governo per diffondere i nuovi strumenti, agevolazioni per ricerca e sviluppo, patent box, superammortamento, industria 4.0, per non sprecare questa opportunità di crescita”.

Il patent box rappresenta una novità assoluta nel panorama fiscale domestico. Con una misura strutturale (e non “a tempo”) si intende favorire la ricerca e sviluppo e l’innovazione nel mondo imprenditoriale attraverso un meccanismo che si sostanzia in una detassazione dei redditi rinvenienti dall’utilizzo industriale delle conoscenze, dell’innovazione di prodotto e di processo. Sono intervenuti, inoltre, Giovanna Alessio, direttore direzione Regionale Lombardia dell’Agenzia delle Entrate, Luigi Campiglio, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Carlo Galli, head of Tax Department Clifford Chance, e Paolo Ludovici, commissione normative a tutela dei patrimoni. L’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano raccoglie più di 8.000 iscritti e ha competenza e territorio della giurisdizione del Tribunale di Milano.

Lascia un commento

Top