Out of Fashion (più sostenibile) ritorna a Milano da gennaio 2017

fashion

Da gennaio del 2017 riprende Out of Fashion con la terza edizione del corso che terminerà nel giugno 2017 alla Fondazione Gianfranco Ferrè di Milano. Si tratta di sei masterclass che tratteranno i temi relativi alla sostenibilità nel campo della moda, dell’arte, dell’etica, della produzione, della comunicazione e dell’economia.

Il corso si rivolge a giovani professionisti interessati ad avviare una propria attività o a lanciare il proprio marchio nell’ambito della moda sostenibile; a coloro che già lavorano e desiderano ampliare e approfondire le proprie conoscenze in vari campi della sostenibilità nel settore dell’industria tessile, del design; a tutti coloro interessati a partecipare alla formazione culturale nell’ambito del conscious fashion. Gli iscritti faranno parte di un team di persone interessate alle tematiche della Moda Sostenibile, aumentando quindi lo scambio di conoscenze a riguardo. È un’opportunità unica per creare un nuovo network tra fashion designer, esperti e professionisti del sistema moda. Il corso prevede la frequenza da uno a sei masterclass con la possibilità, dopo la partecipazione ad almeno tre moduli, di accedere al programma gratuito di pre-incubazione di impresa. Una struttura modulare che permetterà ai partecipanti di scegliere le materie secondo i propri interessi personali e professionali. In questo modo, attraverso un completo programma di formazione specifica, avranno la possibilità di apprendere il percorso di avvio di una propria start up nell’ambito della moda sostenibile ed innovativa.

I contenuti – suddivisi in 6 moduli tematici di 2 giorni intensivi una volta al mese il Venerdì e il Sabato – affrontano il tema della moda etica e consapevole nei suoi molteplici aspetti: i materiali e il loro impatto ambientale, le innovazioni tecnologiche nel comparto tessile, il rapporto simbiotico e creativo tra arte e moda. Si discuteranno anche i valori etici che coinvolgono tracciabilità della filiera, responsabilità e giustizia sociale. Non mancheranno lezioni e workshop su autoproduzione e Fab-Lab, sistema della moda globalizzato, l’alto artigianato e il recupero della tradizione, le innovazioni e le nuove tendenze. Inoltre verranno trattati aspetti quali la comunicazione e le relazioni con il consumatore. Terminati i 6 Moduli seguirà un corso di pre-incubazione di impresa curato in collaborazione con la sede provinciale CNA di Milano Milano Monza Brianza focalizzato sulla fase di costituzione di una startup. Offrirà la possibilità ai partecipanti di sviluppare la propria “business idea” e di muovere i primi passi verso l’inizio di un’attività economica indipendente nel campo della moda sostenibile. Il corso mette a disposizione una borsa di studio per frequentare l’intero programma formativo rivolta a giovani professionisti, studenti e tutti coloro interessati ad approfondire le proprie conoscenze nel campo della produzione responsabile.

ECCO I DOCENTI DEL CORSO

I corsi saranno tenuti da esperti di livello internazionale, con connotazioni professionali di rilievo all’interno del sistema culturale e del sistema moda. Il team dei docenti è composto da: Vincenzo Linarello (portavoce di Cangiari), Francesca Romano Rinaldi (responsabile del corso Fashion Management-Università Bocconi), Rosita Onofri (stilista e parte di Cooperativa Alice), Marina Spadafora (fashion designer sperimentale e Creative Director Auteurs Du Monde), Mauro Rossetti (Associazione Tessile e Salute), Anna Detheridge (teorica delle arti visive e presidente di Connecting Cultures), Gabi Scardi (critica, curatrice e docente di arte contemporanea presso Università Cattolica del Scaro Cuore di Milano), Nanni Strada (fashion designer e pioniera del dialogo tra moda e design), Rita Airaghi (Direttore Fondazione Gianfranco Ferré), Elisabetta Gnignera (studioda della Storia della Moda e del Costume), Monica re (ceo Studio Re), Zoe Romano (co-fondatrice del fab-lab WeMake!), Paola Baronio (giornalista, web content manager e blogger esperta di moda sostenibile), Tony Thorimbert (reporter, ritrattista, fotografo di moda e art director), Isabella Goldmann (Architetto e Direttore Goldmann&Partner), Paola Bertola e Federica Vacca (docenti presso PoliDesign Bovisa – Milano), Antonella Bergomi (Sales Manager Kids Guffanti Showroom), CNA di Milano Monza Brianza (Confederazione Nazionale Artigiani).
Per inviare la propria candidatura è necessario scrivere entro il 15 dicembre al seguente indirizzo email: info@connectingcultures.info. E’ necessario allegare il materiale sotto riportato e specificare nell’oggetto Borsa di Studio: Lettera motivazionale (max 1500 battute); CV.

 

Lascia un commento

Top