Olimpiadi: Roma 2024 non scalda ancora il cuore degli italiani

Un Colosseo tricolore che sfuma in una pista di atletica. E' questo il logo - con al centro il simbolo della Capitale - che accompagnerà il sogno della candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024 e sta per essere presentato in una cerimonia al Palazzetto dello sport. ANSA- COMITATO OLIMPICO EDITORIAL USE ONLY

Roma 2024 non scalda ancora il cuore degli italiani, almeno di quelli che ne discutono online (su Twitter in principal modo, ma anche sugli altri social).

Se dall’inizio dell’anno e fino a poco prima dell’inizio di Rio 2016 i commenti favorevoli a Roma 2024 erano testa a testa con quelli contrari (47% a 43% per i pro-Roma 2024, con un 10% di indecisi), nell’ultimo mese la situazione sembra capovolgersi: solo il 30% dei post pubblicati sul tema darebbe luce verde, al momento, alla candidatura italiana (un dato che scende di qualche punto tra i cittadini romani, in particolare tra quelli che hanno votato il sindaco Virginia Raggi), mentre crescono gli indecisi (che raddoppiano sfiorando adesso il 20%).

Se tra i favorevoli il 40,8% ritiene che Roma 2024 permetterebbe di valorizzare lo sport italiano (mentre solo il 12% menziona i possibili vantaggi economici), tra i giudizi negativi pesa l’idea che Roma e l’Italia abbiano altre priorità e problemi da affrontare (44,5%) e non manca chi teme che l’evento finisca col generare corruzione (28,5%).

A tornare sul tema è anche il presidente del Coni Giovanni Malagò che, durante la conferenza stampa sul bilancio degli atleti azzurri a Rio rivolge il suo ultimo pensiero alla candidatura della Capitale ai Giochi del 2024. E a chi gli chiede aggiornamenti, Malagò risponde: “Abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare come attività di lobbying e in modo discreto. Poche settimane e sapremo cosa succederà”. E c’è chi gli chiede ancora se l’assenza del sindaco Virginia Raggi in Brasile possa pesare nella valutazione di un’eventuale candidatura di Roma 2024: “Per avere le pagelle alte bisogna avere tutti i voti alti, e noi su quel punto non siamo giudicabili”, ha spiegato Malagò. “Certo è che il Cio ha apprezzato la presenza del governo e del premier, così come è stato entusiasta di Casa Italia“.

Lascia un commento

Top