Olimpiadi. Ancora tre mesi per scoprire il sud est del Brasile

RiodeJaneiro_Corcovado

Olimpiadi Brasile 2016. Il 3 maggio scorso è partita da Brasilia la staffetta della torcia olimpica. Il viaggio proseguirà per tre mesi attraverso 335 località, che insieme rappresentano al meglio l’anima del Brasile. Le attrazioni di ogni località dell’itinerario possono essere scoperte attraverso la mappa interattiva realizzata dal Ministero del Turismo.

Chi avrà la possibilità di seguire in prima persona questo viaggio ammirerà paesaggi meravigliosi come il Cerrado, la Foresta Atlantica, il Pantanal, Caatinga, la Pampa e l’Amazzonia. La torcia, anche in auto e in aereo, attraverserà ogni Stato mostrando lo straordinario melting pot del Brasile. Il Sud-Est del Brasile consente vari percorsi e itinerari per chi ama visitare le città storiche e desidera scoprirne la diversità culturale, oppure vuole godersi la vita da spiaggia all’insegna del mare e del sole. Questa varietà di destinazioni è perfetta per coloro che desiderano visitare il Brasile durante le Olimpiadi.

Minas Gerais: La storia e la cultura delle città storiche: Il tour della torcia nel Sud-Est del Brasile inizia dalla città di Minas Gerais, e tocca stupende città storiche in stile barocco: Ouro Preto e Tiradentes. Lo stato di Minas Gerais è ricco di storia, cultura e tradizioni. Santuari ed edifici religiosi sono disseminati ovunque. Ouro Preto è una città storica, che risale al tempo della colonizzazione del Brasile. Passeggiando per la città si ha l’impressione di aver viaggiato indietro nel tempo. Per mantenerne intatto lo stile, non è consentita la costruzione di edifici con più di tre piani. Nel centro storico non c’è asfalto, tutte le strade sono in pietra, e invitano i turisti appassionati di architettura a passeggiare e scoprire i tesori della città.

Tiradentes e São João del Rei, collegati dall’imperdibile percorso in treno Maria-Fumaça rappresentano una scelta eccellente per chi ama le bellezze storiche come chiese, strade e musei. Questa area custodisce mete imperdibili come la Vale do Jequitinhonha, e la capitale Belo Horizonte, con le sue famose piazze e i parchi. Le tradizioni culinarie sono considerate patrimonio immateriale, e includono la produzione del pão de queijo, oltre al formaggio di Minas e Serro, località incluse nell’itinerario.

Belo Horizonte: La metropoli, capitale dello Stato di Minas Gerais, è una bella città con quartieri commerciali, numerose attrazioni culturali e una cucina molto particolare. Il quartiere di Pampulha ospita il complesso architettonico progettato da Oscar Niemeyer, che comprende la Chiesa di São Francisco de Assis, con dipinti e mosaici di Candido Portinari e il Museu de Arte da Pampulha, circondato dai giardini Burle Marx. La Praça da Liberdade è un polo di musei e centri culturali ospitati in edifici del XIX secolo.

Edifício Altino Arantes

Edifício Altino Arantes

Sao Paulo: La città più visitata dagli stranieri per motivi di lavoro (44,3%), secondo la ricerca Demanda Turística Internacional, è anche la capitale con il maggior numero di abitanti (11,320,000). San Paolo è una destinazione perfetta per gli appassionati di gastronomia e ospita anche numerosi musei come il Museo d’Arte Moderna (MAM), il Museo d’Arte di San Paolo (MASP) e la Pinacoteca. Ogni domenica si anima la tradizionale fiera al quartiere Liberdade, molto interessante per coloro che desiderano scoprire di più sulla cultura giapponese.
La città di San Paolo vanta un incredibile mercato del lusso. Qui è possibile acquistare auto sportive, gioielli, vini pregiati da gustare in abbinamento alle più svariate pietanze locali e internazionali. Nelle sue strade, lungo i viali e nei centri commerciali sono vendute alcune delle marche più prestigiose di tutto il mondo. La città è stata la prima in Sud America ad ospitare un punto vendita Tiffany & Co; San Paolo è caratterizzata dalla Oscar Freire, una delle strade più lussuose del mondo, ospita i negozi più belli della città.

Turismo e accessibilità: La città di Socorro, che si trova 116 km dalla capitale, è un punto di riferimento per il turismo accessibile grazie alla vasta presenza itinerari attrezzati per le persone con disabilità o mobilità ridotta. I turisti hanno la possibilità di scoprire ogni attrazione turistica e approfittare dei numerosi ristoranti e i parchi che la rendono destinazione di ecoturismo e avventura. Nel 2007, Socorro è stato inclusa nel programma Aventura Segura, del Ministero del Turismo, che descrive le principali destinazioni di questo segmento turistico nel Paese. Inoltre, la città ha anche un forte richiamo per altri settori del turismo come quello sanitario, culturale, business e sociale. Una passeggiata per le strade di Socorro permette ai visitatori di ammirare magnifici edifici del secolo scorso.

Espírito Santo: Nello Espírito Santo, la torcia passerà attraverso nove comuni, tra cui Serra, Guarapari e Vila Velha; con soste serali a Cachoeiro do Itapemirim, Vitória e São Mateus. Lo Stato è caratterizzato dall’influenza dell’immigrazione tedesca e italiana, che insieme a quella portoghese, africana e indigena ha formato la ricchezza culturale locale. L’architettura coloniale portoghese si può ammirare ovunque lungo la costa, tra cui il Convento de Nossa Senhora da Penha, a Vila Velha, e la Igreja e Residência dos Reis Magos, nella città di Serra. Guarapari, famosa meta per gli amanti della vita da spiaggia, è anche sede di molti tesori culturali come la Antiga Matriz, costruita nel 1585 da José de Anchieta, e riconosciuta come patrimonio artistico dall’Instituto do Patrimônio Histórico e Artístico Nacional (IPHAN).

Rio de Janeiro: La Città Olimpica: Rio de Janeiro è senza dubbio la città più visitata degli stranieri per trascorrere le vacanze, con il 45,2% delle preferenze dei visitatori secondo la ricerca Demanda Turística Internacional do Ministério do Turismo, grazie soprattutto alle sue spiagge e alla sua atmosfera gioiosa.

La Città Olimpica cattura l’attenzione anche grazie alle sue attrazioni naturali in città: il bellissimo giardino botanico, il Pan di Zucchero, le belle spiagge e il lungomare, per citarne alcune. Una delle più famose attrazioni a Rio de Janeiro è la funivia, inaugurata nel 1912. Situata nel qurtiere di Urca, nella Zona Sud di Rio, porta al Morro da Urca nel primo tratto e al Pan di Zucchero nel tratto successivo. Il tragitto dure tre minuti per ogni tratto e dalla cima si posso ammirare Leme, Copacabana, Ipanema, Flamengo e Leblon, e anche Pedra da Gávea, il massiccio del Tijuca, il Corcovado, la baia di Guanabara e quella di Botafogo, e molte altre aree della città. Ad ogni fermata si trovano ristoranti e negozi di souvenir. La città di Rio de Janeiro offre anche molte opzioni per chi ama la musica e la danza. Culla della Rio più bohemien da oltre 100 anni, il quartiere di Lapa vanta il maggior concentrazione di bar, ristoranti e sale da concerto di tutta la città. Qui è possibile ascoltare ogni tipo di musica compreso il Jazz, imparare a ballare forró e samba. Tra le maggiori attrazioni locali ci sono gli Arcos da Lapa, un acquedotto costruito dai portoghesi durante il periodo coloniale in città. L’architettura richiama quella tradizionale portoghese. Chi ama ammirare i tramonti potrà recarsi presso la pedra do Arpoador, sulla spiaggia di Ipanema. Passeggiare sul lungomare la sera è molto piacevole per chi non ama prendere il sole, che non manca nemmeno in inverno. Qui è abitudine applaudire lo spettacolo quotidiano del tramonto.

Lascia un commento

Top