MWH punta su energia e infrastrutture
con quattro nuove manager

Paola Gigli 2Viviana MarianiRaffaella ValerianiNicoletta Lo Turco

 

 

 

 

Sono Paola Gigli, direttore Commerciale e direttore tecnico; Viviana Mariani, direttore tecnico e responsabile del settore Energia e infrastrutture; Raffaella Valeriani, responsabile della divisione Energia; Nicoletta Lo Turco, responsabile della divisione acqua e infrastrutture le quattro nuove figure professionali entrate a far parte del team italiano di MWH – http://www.mgpcomunicazione.it/.

Nell’ambito della propria strategia di espansione nei settori energia e infrastrutture in Italia, MWH – azienda multidisciplinare che fornisce consulenza e servizi di ingegneria nei settori dell’acqua, dell’energia, dell’ambiente e delle infrastrutture – in linea con gli obiettivi societari con queste nuove nomine al femminile, MHW punta a rafforzare la propria presenza nei settori dell’energia e delle infrastrutture, che negli ultimi anni hanno visto l’azienda coinvolta in progetti innovativi. Con queste nuove nomine la percentuale di donne nel management della sede italiana raggiunge quasi il 50% del totale. Le policy aziendali in atto sono formulate nel rispetto della diversity e garantiscono ai dipendenti flessibilità lavorativa e attenzione al work-life balance, attraverso una serie di strumenti come il telelavoro o il congedo parentale prolungato per i papà, che aiutano a conciliare il ruolo di donne, mamme e lavoratrici.

Paola Gigli – direttore commerciale e direttore tecnico

Laureata in scienze geologiche presso l’Università di Torino nel 1984, ha iniziato la propria carriera in ambito accademico come ricercatrice e docente. Ha quindi continuato il proprio percorso professionale come geologo e senior project manager prima presso lo Studio Geotecnico Italiano di Milano e successivamente presso IG Ingegneria Geotecnica. Nel 1993 entra a far parte di Golder Associates, prima come project manager e successivamente come project director sui siti di interesse nazionale. Ha lavorato come market sector leader per il settore oil&gas ed in seguito è entrata a far parte del consiglio di amministrazione della società. Dal 2003 al maggio 2013 è stata amministratore delegato della filiale italiana di Golder. Dal 2010 al 2011 è stata anche responsabile della filiale francese. In MWH, Paola Gigli ha il ruolo di direttore tecnico e direttore commerciale con l’obbiettivo di rafforzare la divisione commerciale italiana guardando in particolare a nuovi mercati internazionali e nuovi clienti multinazionali operanti in Italia.

Viviana Mariani – direttore tecnico e responsabile del settore Energia e infrastrutture

Laureata in ingegneria con tesi in ingegneria meccanica, vanta sedici anni di esperienza nella progettazione, costruzione e messa in servizio di centrali termiche, impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili e impianti per il trattamento delle acque reflue. Ha lavorato in ABB come coordinatore di ingegneria di processo e meccanica per impianti industriali di vario tipo. Successivamente, ha maturato una lunga esperienza come Project Engineer in ENEL, lavorando per quasi due anni nell’area mediorientale. Dal 2007 al 2010 ha ricoperto anche il ruolo di Technical and Operation Officer del dipartimento Ingegneria e Costruzioni di Saceccav Depurazioni Sacede SpA, occupandosi della progettazione e costruzione di impianti per il trattamento delle acque reflue e di impianti per la produzione di energia rinnovabile. In MWH Viviana Mariani è direttore tecnico e responsabile del settore Energia e infrastrutture che comprende le divisioni Energia, Infrastrutture e Federal che offrono servizi di progettazione e consulenza (trasporti, infrastrutture idriche, opere civili ecc.) a clienti privati, Utilities e alle principali basi militari del Governo Federale americano in Europa.

Raffaella Valeriani – responsabile divisione Energia

Laureata in ingegneria elettrica indirizzo energetico all’Università dell’Aquila, ha maturato una profonda esperienza nella progettazione meccanica e di processo, nell’esecuzione di performance test e nella progettazione ingegneristica per impianti di produzione di energia elettrica, grazie ad importanti collaborazioni con aziende multinazionali quali ENEL, Saipem, Snamprogetti e TECHINT. E’ stata project engineering manager per il progetto di teleriscaldamento della città di Dalmine, strettamente collegato con l’impianto produttivo e la centrale elettrica locali. In MWH Raffaella Valeriani è responsabile della divisione Energia e si occupa di numerosi progetti nel campo della produzione energetica, delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica.

Nicoletta Lo Turco – responsabile della divisione Infrastrutture

Laureata in Ingegneria civile idraulica all’Università degli Studi di Padova, ha iniziato a lavorare presso la società Tecnomare del gruppo ENI, occupandosi di attività di consulenza in campo ambientale. Successivamente ha seguito la progettazione e la realizzazione di interventi di disinquinamento, ripristino ambientale, gestione del ciclo delle acque e dei rifiuti presso lo Studio Altieri S.p.A, occupandosi inizialmente di progettazione idraulica e in seguito – come project e program manager – della gestione dei progetti, in particolare realizzati in project finance. In MWH Nicoletta Lo Turco è responsabile della divisione Acqua e Infrastrutture e si occupa di una serie di progetti nell’ambito delle infrastrutture portuali e viarie, reti idriche, trattamento acque e opere civili.

MWH è presente in Italia dal 1973, dove opera uno staff di circa 120 persone. La sede principale è a Milano, affiancata dalle sedi di Roma e Porcia (Pn). Tra i suoi maggiori clienti, MWH annovera gruppi industriali multinazionali, gruppi leader del settore oil&gas, enti pubblici, governi, istituzioni finanziarie internazionali (es. la Banca Europea per la ricostruzione e lo sviluppo, la Banca Mondiale, la Banca Europea degli Investimenti, la Commissione Europea, le Nazioni Unite), utilities e altre organizzazioni pubbliche. Il fatturato globale nel 2011 è stato di 1,5 miliardi di dollari, mentre il fatturato annuo in Italia è di circa 40 milioni di euro.

Lascia un commento

Top