Mostre e concerti si pagheranno con il cellulare

Una ragazza scatta una foto con il cellulare durante la presentazione del simbolo del Nuovo Centro Destra, Roma, 05 dicembre 2013.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

I biglietti di mostre, spettacoli ed eventi sportivi potranno essere pagati con il cellulare, vale a dire con credito telefonico della propria sim ricaricabile. Lo stabilisce un emendamento al ddl concorrenza approvato dalle commissioni Finanze e Attività Produttive alla Camera.
L’emendamento in questione “anticipa in parte il recepimento di una direttiva europea sui micro pagamenti digitali” e allo stesso tempo “offre uno strumento di pagamento alternativo a chi non possiede una carta di credito”. A dirlo è Sergio Boccadutri, primo firmatario dell’emendamento, il quale sottolinea come secondo dati della Cgia di Mestre “sono 14 milioni gli italiani ‘unbanked’ (ossia senza un conto corrente presso una banca), tutti questi però posseggono un cellulare e nel 90% dei casi hanno una sim ricaricabile che può essere utilizzata come mezzo di pagamento”.
Per quanto riguarda la definizione del valore dei micro pagamenti, “questo dovrebbe attestarsi sui 50 euro, come previsto dalla direttiva europea”.

Lascia un commento

Top