Mitel e Polycom insieme creano un colosso da 2,5 miliardi di dollari

Weinstein_MitelPolycom

Mitel annuncia l’accordo definitivo per l’acquisizione di Polycom portando a termine la fusione per costituire una nuova società da 2,5 miliardi di dollari di fatturato.

Annunciato il 15 aprile scorso l’accordo per la fusione tra Mitel e Polycom è giunto nella sua fase conclusiva. L’acquisto in contanti con scambio di azioni tra le due società creerà un nuovo leader del settore della comunicazione e consulenza, un settore che sta attraversando un periodo di intenso cambiamento e sta rapidamente ridisegnando il panorama competitivo abbattendo le barriere tra mercati precedentemente distinti e domini tecnologici. La nuova società avrà sede a Ottawa (Canada) e opererà sotto il nome di Mitel, pur mantenendo il marchio Polycom. Richard McBee, ad di Mitel guiderà la nuova società. Steve Spooner, direttore finanziario di Mitel, manterrà il suo ruolo. E’ previsto anche che gli amministratori di Polycom assumeranno due posizioni nel board di Mitel. Una volta unita, la nuova società avrà una forza lavoro mondiale di circa 7.700 dipendenti.

“Mitel”, ha detto soddisfatto Rich McBee, “ha una visione semplice per fornire ai clienti soluzioni funzionali di comunicazione e collaborazione. Per dar vita a questa visione stiamo metodicamente sistemando i pezzi del puzzle che permettono di fornire una customer experience senza soluzione di continuità tramite qualsiasi dispositivo e qualsiasi ambiente. Polycom è uno dei marchi più rispettati nel mondo ed è sinonimo di alta qualità e capacità di ottenere audio e videoconferenze innovative che sono oggi la norma per le attività quotidiane. Insieme ai sistemi di comunicazione vocale di Mitel, la nuova società avrà le capacità e la tecnologia necessaria per fornire soluzioni davvero integrate ad aziende e fornitori di servizi in ambienti aziendali, mobili e cloud.”

La nuova società offrirà ai clienti una tecnologia integrata sostenuta da un ecosistema di partner. Le posizioni chiave di mercato includono:

· n.1 nelle comunicazioni cloud per il business (Fonte: Synergy Research Group, March 2016)
· n.1 nelle estensioni IP/PBX in Europa (Fonte: MZA Limited, March 2016)
· n.1 nei telefoni per conferenze (Fonte: Frost & Sullivan, Global Audio Conferencing Endpoints, November 2015)
· n.1 in sistemi Open SIP (Fonte: Synergy Research Group, September 2015)
· n.2 in sistemi di videoconferenza (Fonte: Q4 2015 UC Market Tracker – Telepresence Market Share Data Reports, February, 2016)
· n.2 nell’audio installato (Fonte: Frost & Sullivan, Global Audio Conferencing Endpoints, November 2015)
· Installazioni in oltre l’82% delle aziende Fortune 500
· Profonda integrazione dei prodotti con soluzioni Microsoft
· Implementazioni mobile in 47 delle 50 magiori economie del mondo
· Un portfolio combinato con più di 2.100 brevetti e più di 500 brevetti in corso di registrazione
· Presenza globale nei cinque continenti con circa 7.700 dipendenti in tutto il mondo

La nuova società avrà una piattaforma finanziaria più ampia con portata, scala e leva operativa necessaria per espandersi strategicamente in un mercato in continua evoluzione. I dati di sintesi della transazione includono:

· Diversa base di reddito con vendite pro forma di circa 2,5 miliardi di dollari nel 2015
· Forte generazione di flussi di cassa con EBITDA pro forma di circa 350 milioni di dollari nel 2015
· Rafforzamento del bilancio con leva del debito netto pro-forma 2015 di Mitel ridotto da 3,8 a 2.1
· Previsione di crescita per gli azionisti Mitel nel 2017
· Sinergie operative anticipate di circa 160 milioni di dollari entro il 2018, guidate dall’ottimizzazione della supply chain, dal consolidamento dei servizi e delle economie di scala.

 

Lascia un commento

Top