Microsoft: donati software per 6 milioni alle Ngo

ngo

Microsoft Italia ha donato negli ultimi 12 mesi sei milioni di euro in dotazione tecnologica alle NGO italiane, portando a 972 il numero di realtà interessate dalla donazione. Un numero che crescerà a vista d’occhio anche nei prossimi mesi, visto che due non profit al giorno scelgono il programma di donazione di Microsoft.

Per spingere ulteriormente lo sviluppo delle organizzazioni del terzo settore, Microsoft ha lanciato un roadshow itinerante che farà tappa in 10 città italiane. L’iniziativa, intitolata “Solidarietà Digitale. Innovare il terzo settore per favorire equità e sviluppo”, promossa insieme a Techsoup e in collaborazione con Fondazione Cariplo, vuole spiegare come la tecnologia può e deve essere considerata un fattore abilitante per tutte le realtà che operano nel terzo settore.

“Negli anni abbiamo notato sempre più come le realtà che incontriamo, profit e non, abbiano le stesse modalità gestionali, le stesse necessità di produttività”, ha dichiarato Carlo Purassanta, amministratore delegato di Microsoft Italia. “Per questo riteniamo che la trasformazione digitale che nelle imprese private è una realtà debba essere una prospettiva imprescindibile anche per la crescita delle organizzazioni del Terzo Settore”.

E per spiegare la trasformazione digitale, che secondo gli organizzatori passa dallo sviluppo delle soluzioni cloud, oggi nel corso di Ngo Day 2015 sono state presentate le esperienze di Mani Tese, CEPIM, Fightthestroke.org e Do Solidale

Mani Tese, storica Organizzazione Non Governativa nata nel 1964 per combattere la fame e gli squilibri tra Nord e Sud del mondo, ha messo in luce i benefici dell’adozione di Office 365 e del cloud: da un lato ha permesso una gestione organizzativa snella ed efficiente, dall’altra la possibilità di dotare tutti i propri collaboratori degli stessi strumenti, per condividere dati e informazioni e cooperare anche da una parte all’altra del mondo.

La Fondazione Cepim, invece, ha sviluppato Smart Angel, una piattaforma cloud-mobile in grado di supportare la vita quotidiana delle persone con disabilità, fornendo strumenti per la gestione del tempo e delle attività, per la mobilità urbana e per l’apprendimento delle competenze a essa necessarie.

Per Fightthestroke.org la tecnologia si è dimostrata utile per costruire una piattaforma composta da social network e dal social marketing per aumentare il coinvolgimento delle famiglie di bambini colpiti da ictus pre-natale.

Do Solidale, invece, ha lanciato “Hug, Tap to donate”, la prima applicazione italiana di mobile giving che consente di donare direttamente dal display del proprio smartphone e tablet e va a interessare un’area strategica per il mondo del Non profit, quello del fundraising.

Lascia un commento

Top