Marmoracc: cresce dell’8% l’export della regione Veneto
solo nei primi sei mesi di quest’anno

marmomacc_2013Saranno 143 le aziende espositrici venete che parteciperanno alla  48a edizione di Marmoracc (25-28 settembre) alla Fiera di Verona. La regione, punto di riferimento nazionale per la lavorazione di marmi e graniti, consolida la ripresa anche nel primo semestre 2013, esportando prodotti lapidei finiti e semilavorati per 231,6 milioni di euro. Tra i mercati di sbocco, in crescita quello statunitense, in calo quello tedesco. Tra le province, Verona si conferma leader nella Regione e in Italia, con un export pari a 183,7 milioni di euro (+4,5%). La crescita dell’8% rispetto ai primi sei mesi del 2012 (fonte, Osservatorio Marmomacc su base Istat) conferma come il Veneto, insieme alla Toscana, sia la regione di riferimento italiano per la lavorazione e l’estrazione di marmi, graniti e agglomerati, totalizzando oltre il 30% dell’export nazionale, il 40% del quale diretto verso i mercati di riferimento storici di Stati Uniti (in crescita) e Germania (in calo). “Come ogni anno”, ha sottolineato il presidente di Veronafiere, Ettore Riello, ” il distretto del marmo e delle pietre del Veneto rappresentato a Marmomacc, con 143 su oltre i 1.400 espositori attesi da quasi 60 paesi.

Il legame tra Marmomacc e il suo territorio si consolida a ogni edizione anche grazie alle sinergie con importanti realtà quali il Centro Servizi Marmo e la Banca Popolare di Verona, così come l’Aeroporto Catullo e Atv che ci assisteranno a movimentare gli oltre 55mila visitatori attesi da oltre 130 nazioni”. Capofila del distretto del marmo e delle pietre del Veneto è ancora la provincia di Verona, con 457 aziende di lavorazione e 60 di estrazione, per un totale di oltre 4mila addetti. Il comparto lapideo scaligero guida anche la classifica italiana per controvalore dell’export di materiale lavorato: nel primo semestre 2013 le esportazioni da Verona dirette all’estero hanno raggiunto 183,7 milioni di euro, aumentate del 4,5% sullo stesso periodo del 2012, chiuso a 175,8 milioni di euro.

“Veronafiere”, ha commentato il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani, “presta la massima attenzione all’evoluzione dei mercati, consolidati ed emergenti, che presidia anche con Marmomacc attraverso un network di iniziative e manifestazioni che copre Stati Uniti, Brasile, Qatar, Arabia Saudita, Marocco ed Egitto e accompagna all’estero il business delle aziende clienti”. Tra le altre province del Veneto, spiccano Vicenza con esportazioni, nel primo semestre dell’anno, pari a 34,1 milioni di euro contro 26,1 milioni di euro del 2012 (+30,6%), Treviso con 8,2 milioni di euro contro 6,1 milioni di euro (+34,7%) e Padova con 3,4 milioni di euro contro 3,2 milioni di euro (+5,7%).

Lascia un commento

Top