Malta parla Huawei

6-7_joseph_muscat21

Malta e Huawei hanno siglato un accordo per la localizzazione di un centro di innovazione congiunto in ambito Safe-City, il progetto di un test 4.5G per utilizzo commerciale e un programma di formazione Ict per giovani talenti.

Primo Ministro di Malta, Joseph Muscat (nella foto) e di Cai Jinbiao, Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese a Malta, José Herrera, sottosegretario per la Competitività e lo Sviluppo Economico di Malta, ed Edward Chan, ceo di Huawei Italia, hanno sottoscritto un’alleanza strategica a supporto del programma Digital Malta. L’accordo riguarda tre principali aeree di cooperazione: la creazione di un Centro di innovazione congiunto a Malta per la ricerca e lo sviluppo di soluzioni e tecnologie in ambito Smart City, un piano per l’implementazione di un test 4.5G per utilizzo commerciale con gli operatori maltesi – primo passo del Paese verso il 5G – e la valorizzazione di giovani talenti, grazie a un programma di formazione Ictdi due settimane in Cina per 5 studenti locali.

Il nuovo Centro di Innovazione congiunto svilupperà soluzioni Safe City e progetti per Malta, facendo leva sui talenti locali e sulle più avanzate tecnologie e soluzioni offerte da Huawei. Il piano Safe City sarà focalizzato su tecnologie per la sicurezza, trasmissione dati, videosorveglianza, gestione dei trasporti e della polizia locale, comunicazioni via cavo e wireless e tecnologie per conferenze video e voce.
“Quello appena siglato è un importante successo che contribuirà a creare un’Europa sempre più interconnessa. Huawei intende radicarsi sempre di più in Europa, continuando ad aumentare le risorse destinate a questa regione. Consideriamo l’Europa un importante centro di competenza per il mercato globale e vogliamo promuovere attivamente lo sviluppo dell’industria continentale”, ha detto Vincent Pang, presidente di Huawei per l’Europa occidentale.

Lascia un commento

Top