Lazio e Veneto le regioni più indebitate

lazio

Sovraindebitamento: secondo Prodeitalia il Lazio e il Veneto sono le due Regioni che maggiormente chiedono aiuto. Liguria, Marche, Umbria, Basilicata e Toscana tra le più reticenti a dichiarare le reali difficoltà economiche. L’Emilia Romagna quella dove si registra una crescita sostanziale di richiesta di supporto.

A sei mesi dalla nascita dell’Osservatorio Prodeitalia i professionisti dell’Associazione Csi-Kronos disegnano il profilo dell’Italia in base alle denunce sulle condizioni di sovraindebitamento, Regione per Regione e la conseguente propensione delle varie realtà economiche e delle famiglie a chiedere aiuto a chi, come i professionisti del Progetto Prodeitalia provano a mettere a disposizione gli strumenti della Procedura di esdebitazione sulla base della legge 3/2012.

CHIEDERE AIUTO E’ DIFFICILE

“La crisi economica non è per nulla superata per molte piccole e medie imprese”, dice Lario Paccosi, referente di Prodeitalia per la Toscana. “In alcuni casi le aziende stentano a riprendersi da un periodo di lunghissima difficoltà economica. Chi è rimasto sul mercato ha accumulato debiti per non licenziare o per non chiudere. Nel caso delle famiglie l’indebitamento è più frequente nel ceto medio dove, le condizioni economiche sono cambiate improvvisamente”. L’Osservatorio Prodeitalia nasce con l’intenzione di misurare le difficoltà economiche anche attraverso le richieste di aiuto arrivate ai professionisti (avvocati, commercialisti, consulenti del lavoro) organizzati in tutta Italia. Prodeitalia conta170 contatti dal Lazio, 120 dal Veneto, 100 dalla Lombardia, 90 dall’Emilia Romagna e 60 dalla Sicilia ma anche dalla Sardegna. Seguono il Piemonte con 50 segnalazioni e 30 da Toscana, Campania e Calabria. Si scende poi a 20 richieste in Friuli e in Puglia. Le richieste sono ai minimi termini, circa 10, in Liguria come in Basilicata, Umbria e Marche.

“Non tutti gli imprenditori e non tutte le famiglie riescono a chiedere aiuto quando sono indebitate”, dice l’Avvocato Valeria Botti, referente di Prodeitalia per Emilia Romagna. “Il rischio è che certe situazioni si cronicizzino o addirittura degenerino a causa della mancata conoscenza sia degli strumenti offerti dalla legge n.3 del 2012 che dell’opportunità concreta di fruirne. C’è da dire che in Emilia Romagna negli ultimi tempi molti cittadini e imprenditori hanno iniziato ad informarsi e questo è un buon segnale”. Il Progetto Prodeitalia nasce allo scopo di offrire un aiuto a chi per motivi di salute, economici, organizzativi o di varia natura non riesce più ad onorare i propri debiti. Sulla base della legge 3/2012 – che regola il sovraindebitamento e introduce nell’ordinamento giuridico italiano la procedura di esdebitazione – Prodeitalia assiste e aiuta con questo obiettivo sia le aziende che i cittadini che, almeno in una prima fase, hanno bisogno di essere guidati.

Lascia un commento

Top