Lavorare a Dubai: diritto del lavoro e tassazione

Sono oltre sette milioni gli espatriati su una popolazione totale di circa 8,2 milioni di persone gli abitanti degli Emirati Arabi, un paese in gran parte popolato da persone con cittadinanza straniera provenienti da ogni angolo del mondo – India, Filippine, Medio Oriente, Europa, America, Nord e Sud Africa. Gli espatriati Italiani a Dubai sono cresciuti in maniera considerevole negli ultimi anni e molti hanno visto Dubai come meta ideale per una breve esperienza all’estero o come luogo d’investimento. Sotto il profilo fiscale, il sistema impositivo italiano è uniformato al cosiddetto World Wide Principle. Per fare chiarezza sulla posizione fiscale e giuridica di coloro che si sono trasferiti per lavoro negli Emirati Arabi, Diacron Group, – www.diacron.eu – società di consulenza contabile e fiscale internazionale, in collaborazione con lo studio legale Meyer-Reumann & Partners, specializzato nel diritto del Medio Oriente, hanno organizzato il seminario “Espatriato UAE: diritto del lavoro e tassazione”. L’incontro si terrà il 7 ottobre presso il Dubai World Trade Center e sarà articolato in due sezioni.Gli avvocati Marco Zucco e Roberta Quacquarini di Meyer-Reumann & Partenrs si occuperanno di diritto del lavoro, illustrando il quadro giuridico di riferimento con alcuni esempi pratici che mostrano come tutelarsi nei confronti del datore di lavoro, sia esso italiano o emiratino. Verrà approfondito anche il tema dell’immigrazione con particolare riferimento alle procedure e alla regolamentazione.

L’aspetto fiscale verrà approfondito da Stefano Galvano e Lorenzo Bagnoli di Diacron Group, che presenterannola normativa italiana ed emiratina relativa alla tassazione. La materia, ancora poco nota e mai esposta in maniera sistematica è stata raccolta in una piccola guida pratica redatta dai consulenti Diacron Group a Dubai che sarà disponibile da fine settembre in formato digitale sul circuito di BookRepublic (Emirati Arabi Uniti. La tassazione per gli espatriati, edita da Diacron Press). Il testo chiarisce il concetto di residenza fiscale e analizza nel dettaglio tutti i casi in cui può incorrere un lavoratore dipendente che svolga attività continuativa negli Emirati oppure si trovi lì per trasferta, missione o distacco presso imprese estere.

 

 

 

Lascia un commento

Top