La Bodega Garzón più sostenibile con Climaveneta

BODEGAGARZON2

Bodega Garzón, l’azienda vitivinicola e turistica, a tre chilometri da Pueblo Garzon, Maldonado in Uruguay, ha effettuato un investimento di 85 milioni di dollari per realizzare una cantina sostenibile da 19.050 mq, dove saranno prodotti i vini del territorio, oltre a un ristorante, un hotel di lusso e un club esclusivo.

La cantina sorge su un’area di 2.000 ettari, dove si produce anche dell’ottimo olio d’oliva, chiamata anche la “piccola Toscana”. Non è quindi un caso che Bodega Garzon sia al 21esimo posto nella classifica dei 52 luoghi al mondo da visitare nel 2016, secondo il New York Times. Il progetta risulta interessante anche dal punto di vista energetico: con un risparmio stimato intorno al 40%, rispetto a strutture analoghe, ed oltre il 40% dell’energia necessaria prodotta da mulini e pannelli fotovoltaici, la struttura è infatti in fase di certificazione LEED. La raccolta uve del 2014/2015 ha inoltre permesso a Bodega Garzon di diventrare la prima cantina sostenibile fuori dagli Stati Uniti, secondo i parametri del Green Building Council (USGBC). Gli obiettivi di questa certificazione sono quelli di aumentare la trasparenza nel mercato e di far progredire l’industria del vino verso migliori pratiche di gestione ambientale, di conservazione delle risorse naturali e di commercio socialmente equo. “E’ stato un vero piacere vedere questo sogno che diventava realtà e partecipare allo sviluppo di un progetto tanto sostenibile. Non è facile rispettare i requisiti LEED ma devo ammetterlo che, nel farlo, si è certi di creare un edificio davvero green e sostenibile, capace di produrre energia rinnovabile, invece di consumare combustibili fossili ed emettere CO2 in atmosfera”, ha detto Gabriel García, responsabile esecutivo del progetto dell’impianto di climatizzazione.

BODEGAGARZON6Per garantire la massima qualità del vino è fondamentale mantenere nelle cantine livelli di umidità e di temperatura stabili in ogni ogni fase di produzione: dalla raccolta delle uve all’invecchiamento, dalla fermentazione alla degustazione. Una temperature costante è indispensabile per mantenere le caratteristiche naturali di gusto e aroma del vino, mentre il livello di umidità costante serve per evitare la formazione di muffe o l’eccessiva ossigenazione. Infine tenere una buona qualità dell’aria serve per mantenere in buono stato il sughero e le etichette delle bottiglie. A Bodega Garzon l’impianto di climatizzazione si basa su unità ad elevata efficienza Climaveneta: 6 centrali trattamento aria WIZARD che lavorano insieme a due pompe di calore polivalenti ERACS2-Q per la produzione simultanea di acqua calda e refrigerata. La soluzione Climaveneta è in grado di fornire aria trattata, produzione di acqua calda sanitaria e le migliori condizioni climatiche durante tutto l’anno combinando elevata efficienza energetica e costi di gestione contenuti nella cantina, nell’hotel, nel ristorante e in tutti gli altri ambienti di Bodega Garzon. La scelta di produrre acqua calda sanitaria con pompe di calore consente infine al sistema di essere totalmente integrato alle rinnovabili, quali mulini e pannelli fotovoltaici evitando qualsiasi emissione locale di CO2. “E’ stato un piacere per noi prendere parte a questo prestigioso progetto, praticamente senza eguali nel nostro Paese. Sono tutti pienamente soddisfatti dei risultati ottenuti sia in termini di controllo della temperatura e dell’umidità per la produzione del vino, che di sostenibilità ed efficienza grazie alla performance energetica raggiunta dall’intero sviluppo”, ha detto Mario Zito, direttore presso MED, distributore Climaveneta in Uruguay.

Lascia un commento

Top