Justeat cambia look ma non la mission

Diciamocelo con franchezza è una gran bella scusa. Ma è una scusa che può diventare anche molto gustosa. Chi non si è mai dato la pacca sulle spalle rientrando a casa dopo una intensa giornata di lavoro e con il frigorifero desolatamente vuoto chiedendosi: posso permettermi una cena pronta, già cotta e cucinata? Tutti noi almeno una volta nella vita soprattutto per chi vive in città, con code lunghe, tempi stretti e figli affamati. Naturalmente visto che è il mercato che spesso anticipa e stimola le esigenze di consumo, c’è chi ci ha già pensato da tempo a soddisfare questa “in fame” nostra esigenza. JUSTEAT.IT, filiale italiana del gigante mondiale del take away, ha annunciato il proprio riposizionamento – una mera questione di marketing – sulla base del nuovo motto “Don’t cook, JUST EAT”. Tutto questo per darci un supporto come clienti nel combattere le pressioni quotidiane esercitate dalla società e dai media che ci spingono a cucinare in casa complicatissimi piatti alla stregua di rinomati chef. Il lancio del nuovo brand sarà supportato da una massiccia pianificazione online che prevede la diffusione su Youtube e Facebook di 3 video da 30 secondi ciascuno, oltre al presidio dei più classici canali quali search engine marketing, banner advertising e email marketing. Il nuovo concept, sviluppato attraverso la collaborazione tra il senior management di JUST EAT e gli esperti di branding “sovversivo” di On Your Feet – una consociata di Eat Big Fish – riassume il posizionamento di JUST EAT come brand innovativo intenzionato a cambiare la percezione dell’utenza nei confronti del takeaway. Fornendo quella giusta motivazione a tutti coloro che, stanchi di una impegnativa giornata lavorativa o presi da mille impegni familiari rifiutano le convenzioni comuni che ci spingono ad eguagliare lo chef Carlo Cracco, JUST EAT sostiene e risponde alle esigenze di tutti coloro che vedono la cucina come un incubo o che semplicemente vogliono concedersi una serata di relax.

“Per troppo tempo la cucina a domicilio è stata demonizzata e la strada per la salvezza che ci è stata proposta dai media è di spendere ore in cucina, dopo una dura giornata di lavoro”, dice Richard Murfitt, head of brand marketing di JUST EAT. “Noi di JUST EAT siamo qui per dire basta a questa imposizione sociale: “Don’t Cook, JUST EAT” ovvero “Non cucinare, ma goditi un momento per te e la tua famiglia”.

Lo sviluppo della creatività del nuovo brand è stata promossa dall’azienda londinese Someone mentre l’intera campagna “Don’t Cook, JUST EAT” in termini di contenuti e produzione video è stata affidata a VCCP. Per la localizzazione in italiano dei 3 girati, l’agenzia Jinglebell Communications di Milano ha realizzato il doppiaggio e la scelta della voce è caduta su Marco Zanni, storica voce di Radio Montecarlo e di molte campagne TV a livello nazionale.

 

Lascia un commento

Top