Julio Velasco inaugura Randstad Next

Randstad Next inaugurato da Julio Velasco

Il 22 e 23 gennaio al Museo Enzo Ferrari di Modena si svolgeranno le prime lezioni del percorso di orientamento professionale per sportivi ideato da Randstad in partnership con La Gazzetta dello Sport, Facebook Italia, Bosch Italia, Juventus Football Club e Azimut Modena Volley. La prima giornata sarà aperta dall’ex commissario tecnico della nazionale italiana di pallavolo. Tra gli atleti che hanno già aderito al programma figura anche l’ex campionessa di pallavolo Maurizia Cacciatori. È possibile iscriversi al percorso fino al 19 gennaio

Gli atleti del Randstad Next sono pronti a scendere in campo per il primo tempo della loro seconda vita professionale. Le lezioni di questo innovativo programma formativo interamente dedicato agli atleti che hanno da poco terminato la loro carriera agonistica è organizzato da Randstad. Fra gli atleti che hanno già aderito al programma figura anche l’ex campionessa di pallavolo Maurizia Cacciatori (nella foto).

Sotto la guida dell’ex commissario tecnico della nazionale italiana maschile e femminile di pallavolo, che aprirà la prima giornata di lavori, Samuele Robbioni, psicologo dello sport, e Alessandro Rovetta, senior consultant Randstad HR Solutions, gli ex atleti studieranno la struttura di base delle organizzazioni, le caratteristiche dei diversi ruoli, le condizioni di successo nell’esperienza aziendale e il valore che un’esperienza sportiva vincente può portare nella vita di un’impresa. Durante queste prime lezioni, gli studenti impareranno anche a ragionare in modo analogico, a gestire l’ansia e le proprie emozioni e a costruire un sistema di valori e di soft skills che li metta nelle condizioni di raggiungere gli obiettivi professionali che si sono posti.

Il programma, destinato agli ex campioni che, dopo il ritiro dall’attività agonistica, si trovano ad affrontare la sfida di dover adattare e reimpiegare le proprie competenze in un diverso percorso di carriera, prevede quattro mesi di formazione e orientamento professionale e due mesi dedicati allo sviluppo di un project work, sotto la guida di tutor e coach individuali. L’obiettivo è dare la possibilità agli sportivi di comprendere le dinamiche del mercato del lavoro, capire quali delle proprie competenze possono consentirgli diricollocarsi professionalmente, acquisire gli strumenti per sviluppare un progetto professionale realistico e coerente e, infine, la possibilità di sperimentare le abilità acquisite nelle aziende partner delprogetto.

Al progetto, oltre ai partners già citati, hanno aderito anche importanti aziende come Alpinestars, Biesse Group, Caterpillar Fluid Systems, Decathlon Italia, Servier Italia, Smartpeg, Reale Mutua, Lavorazione Sistemi L.a.s.i spa, Modena Centro Prove, C.V.B., Vitec Group, Anthea e Western Digital, che dimostrano così una grande attenzione al tema della Corporate Social Responsibility verso il mondo dello sport tout court e che hanno la grande opportunità di collaborare con candidati d’eccellenza dalle capacità e competenze distintive unite ad una forte tensione ad eccellere in qualsiasi attività intrapresa.

“Ho voluto aderire a questo progetto”, ha detto Maurizia Cacciatori, campionessa di pallavolo, “perché in questa fase della mia carriera punto su un arricchimento personale e lo faccio con entusiasmo. Sono una persona curiosa, quindi penso che questa sia un’opportunità di crescita professionale. Mi interessa in particolare conoscere i meccanismi operativi delle aziende e quali sono le competenze più ricercate nel mondo del lavoro. Credo che lo spirito sportivo mi aiuterà per mettermi alla prova in un campo che non è il mio e, inoltre, l’apertura di Julio Velasco mi motiva anche di più perché conosco la sua esperienza e mi rende orgogliosa portare le competenze acquisite nel mondo della pallavolo in ambito manageriale.”

Lascia un commento

Top