IVA in Svizzera: ecco come pagarla

IVA Svizzera: dal 2018 sono cambiate le regole.

Se siete una società con sede all’estero e operante in Svizzera, o avete clienti svizzeri, vi informiamo che dal 1° gennaio 2018 tutte le imprese che effettuano prestazioni o hanno la propria sede sul territorio svizzero e realizzano sul territorio svizzero e all’estero una cifra d’affari di almeno 100.000 franchi (proveniente da prestazioni che non sono escluse dall’imposta), saranno obbligatoriamente assoggettate ad IVA svizzera. Per procedere con l’iscrizione all’IVA svizzera, si compila un formulario on line indicando i fatturati previsti in Svizzera/estero e indicando un rappresentante fiscale. L’Ufficio IVA richiede il versamento di una cauzione, calcolata nel seguente modo: 3% del fatturato in Svizzera dichiarato in fase di iscrizione, con un minimo 2.000 CHF.

Inoltre, dal 1° gennaio 2019, per quanto riguarda l’importazione dei beni in Svizzera, se con piccole spedizioni non soggette all’imposta sulle importazioni (ovvero per cui tale imposta non supera CHF 5) conseguite un fatturato di almeno CHF 100.000, è obbligatorio l’assoggettamento all’Iva.

Tra le numerose società che offrono servizi alle aziende in campo fiscale e amministrativo anche in ambito internazionale, Diacron Suisse SA con sede a Lugano, fornisce servizi di Rappresentante fiscale in Svizzera per le imprese estere, supportando il cliente nelle seguenti fasi: Valutazione iniziale per comprendere se esiste la necessità di iscriversi ad IVA in Svizzera; Iscrizione nel Registro contribuenti IVA Svizzera; Verifica delle fatture attive/passive imponibili all’IVA Svizzera; Compilazione dei rendiconti IVA trimestrali ed inoltro degli stessi all’Amministrazione Federale delle Contribuzioni/IVA di Berna; Assistenza e supporto nelle varie problematiche con l’Amministrazione Federale delle Contribuzioni.

Lascia un commento

Top