INWIT cresce con una performance superiore alle aspettative

The Telecom Italia tower is seen south of Rome August 28, 2014. REUTERS/Max Rossi

 Il Cda di INWIT, sotto la presidenza di Francesco Profumo, ha approvato il resoconto di gestione al 31 dicembre 2015. I risultati relativi al periodo di esercizio operativo 1 aprile – 31 dicembre 2015 hanno evidenziato una crescita dei ricavi e dei livelli di efficienza, con entrambi i dati che registrano una performance superiore alle previsioni.

I ricavi al 31 dicembre 2015 sono pari a 239,2 milioni di euro, di cui: 190,0 milioni di euro (con un’incidenza del 79,4% sul totale) da Telecom Italia sulla base del Master Service Agreement (‘MSA’) e 49,2 milioni di euro dagli altri Operatori (20,6% sul totale) regolati da accordi commerciali di durata pluriennale, in rialzo del 12,0% sull’importo comparabile del 2014. Su base annua, i ricavi ammontano a 318,9 milioni di euro (314,0 milioni di euro nel proforma del 2014), di cui 253,3 milioni di euro da Telecom Italia e 65,6 milioni di euro dagli OLO (61,0
milioni di euro nel proforma 2014). Nei nove mesi di operativita’ INWIT ha sottoscritto 800 nuovi contratti, conseguendo un numero medio di Tenants per sito pari a 1,62x (tenancy ratio) al 31 dicembre 2015.

L’EBITDA di periodo ammonta a 108,2 milioni di euro con un’incidenza del 45,2% sui ricavi, con un incremento superiore a 200 bps rispetto al proforma dello stesso periodo del 2014 (+7,2% YoY). Il risultato e’ superiore al target previsto in fase di IPO (103,3 milioni di euro). Tale risultato riflette, oltre alla crescita dei ricavi, anche l’efficienza realizzata sui costi per locazione di spazi pari a 113,0 milioni di euro, di cui 94,7 milioni di Euro relativi a contratti con terze parti, questi ultimi in riduzione di 6,1 mln di euro rispetto al dato comparabile del 2014) derivanti dal piano di dismissione e smantellamento contrattato con Telecom Italia e dalla rinegoziazione di circa 2.000 contratti di affitto. Su base annua l’EBITDA per l’esercizio 2015 ammonta a 144,2 milioni di euro (rispetto ai 134,6 milioni di euro del proforma 2014).

Lascia un commento

Top