Intesa Sanpaolo si allea con Intellectual Ventures

Intesa-Sanpaolo-buy-back

Il Gruppo Intesa Sanpaolo ha siglato un accordo con Intellectual Ventures, società globale specializzata nel mercato delle innovazioni, delle invenzioni e dei brevetti. L’accordo punta a fornire ulteriore supporto ai clienti imprese e corporate della banca, che adottando un approccio di Open Innovation, siano interessati a valorizzare le proprietà intellettuali mediante l’acquisto, la vendita o la licenza di brevetti.

L’intesa, firmata da Maurizio Montagnese, Chief Innovation Officer di Intesa Sanpaolo, e da Cory Van Arsdale, Senior Vice President, Global Licensing di Intellectual Ventures, conferma l’impegno della banca nel fornire un supporto al miglioramento della competitività dei propri clienti, aprendo per gli stessi nuove opportunità di accesso a ricerca e proprietà intellettuali a livello globale.

Con questo accordo, Intesa Sanpaolo punta a rendere disponibile un nuovo strumento ai propri clienti al fine di aiutarli a cogliere, come sempre, tutte le opportunità possibili di sviluppo e crescita. Intellectual Ventures opera in settori di mercato analoghi a quelli di Intesa Sanpaolo, coprendo molti dei segmenti che hanno maggiore necessità di ricerca e sviluppo, tra cui Automotive, Energy, Material, e Food & Beverage.

Intellectual Ventures, fondata nel 2000, opera in 9 Paesi con un network di oltre 4.000 investitori. A oggi risultano investiti nel fondo circa 6 miliardi di dollari a fronte di un portafoglio brevetti che supera le 70.000 unità. Di questi, oltre 40.000 sono inseriti in programmi attivi di monetizzazione.

Lascia un commento

Top