Internazionalizzazione Pmi: accordo BPS e Promos

238176 (1)

Internazionalizzazione delle imprese lombarde: è stato rinnovato l’accordo tra BPS e Camera di commercio-Promos che prevede benefici per 200 imprese ogni anno.

Banca Popolare di Sondrio e Camera di commercio di Milano – attraverso Promos, Azienda Speciale per le Attività Internazionali, –  hanno rinnovato l’accordo triennale di collaborazione, finalizzato all’erogazione di servizi per l’internazionalizzazione a beneficio dei clienti di BPS. La collaborazione, avviata nel 2003, si è dimostrata in questi anni uno strumento efficace per supportare aziende del territorio nel loro percorso di internazionalizzazione. Il rinnovo sottoscritto pochi giorni fa, che ha interessato oltre 200 imprese in media all’anno, prevede una serie di azioni e attività su tutti i territori dove la banca ha sportelli, includendo: corsi di formazione sull’internazionalizzazione, realizzati da NIBI-Nuovo Istituto di Business Internazionale di Promos, e dedicati alle aziende dei settori agroalimentare, beni di consumo, casa-arredo-edilizia, beni strumentali e servizi&new tech; assistenza tecnica attraverso incontri riservati alle aziende clienti delle banca; missioni all’estero e incontri b2b con i referenti della rete estera di Promos. L’accordo consente ai clienti di BPS di beneficiare di un abbattimento dei costi sull’acquisto dei servizi erogati da Promos. Banca Popolare di Sondrio, inoltre, è partner di Invest in Lombardy, la struttura di Promos e Regione Lombardia dedicata all’attrazione di investimenti esteri sul territorio regionale.

IL 2 MAGGIO SEMINARIO SU COME FARE AFFARI IN BRASILE

“Nell’ambito dell’assistenza prestata dalla nostra banca a favore delle aziende clienti impegnate in processi di internazionalizzazione, i servizi che Promos ci mette a disposizione – grazie alla convenzione in essere da numerosi anni – sono qualificanti e ad alto valore aggiunto per le imprese che ne beneficiano, potendo contare su un team di professionisti capaci e competenti”, HA spiegato Mario Erba, vicedirettore della Banca Popolare di Sondrio. Sempre nell’ambito di questa collaborazione, il prossimo 2 maggio presso il Servizio Internazionale della Banca Popolare di Sondrio si terrà il seminario “Fare affari in Brasile”, che ha l’obiettivo di presentare agli operatori locali le opportunità di business nel mercato brasiliano. Per informazioni e iscrizioni, è possibile rivolgersi al Servizio Internazionale della BPS.

I DATI SULL’INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE LOMBARDE

Milano e Sondrio, business fuori Europa per 47 mila imprese in un anno.

Procedure di export aperte dalle imprese verso paesi al di fuori dell’Unione Europea: 46mila a Milano, circa mille a Sondrio.

Principali mercati. Per Milano: Svizzera, USA, Turchia, Cina, Russia, Giappone, Emirati. Confermati per Bergamo , che tra i primi vede anche India e Israele.  Per Sondrio: Svizzera, USA, Turchia e Hong Kong.

Aumenta l’interscambio di Milano e Sondrio, viste come unità aggregata: in un anno +3,6%, per un totale di quasi 100 miliardi. Gli affari sono prevalentemente con l’Unione Europea, in particolare con la Germania (17 miliardi l’interscambio con un 22,4% di import e un 8,6% di export) e la Francia (9 miliardi, 9,3% di import e 8% di export). Cina e Stati Uniti i primi paesi extra UE con rispettivamente il 7,5% e il 6% sul totale dell’interscambio. Principali settori: i computer e gli apparecchi elettronici (19,7% l’import e 7,2% l’export per un interscambio pari a quasi 15 miliardi), ma anche i prodotti chimici (13% di import e 12,3% di export) e i macchinari (9,21% di import e 18,5% di export).

Per quanto riguarda la sola provincia di Sondrio, il Brasile, con oltre 39 milioni di euro è il paese extra UE con cui si fanno più affari. I metalli con l’11,6% di import e il 31,1% di export, sono i primi prodotti , seguiti da alimentari, bevande e tabacco (32,7% l’import e 10,3% l’export).

L’elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati Infocamere, Agenzia delle Dogane del 2014 tiene conto dei mercati extraeuropei e delle domande delle imprese che ne attivano una per ogni mercato.

Lascia un commento

Top