Coperture fideiussorie: le imprese si rivolgono
al mercato assicurativo per avere più credito

Foto_UbertoIl fenomeno del credit crunch è noto in questi ultimi tempi. In misura sempre maggiore, realtà imprenditoriali (anche di dimensioni rilevanti) hanno difficoltà ad accedere a crediti di firma, fondamentali per la propria attività. La stretta creditizia rende necessario il ricorso da parte delle aziende al mercato assicurativo nazionale e internazionale per l’acquisto di capacità finanziaria per l’emissione di coperture fideiussorie. Il sistema creditizio non può più essere l’unico interlocutore in grado di fornire soluzioni a 360 gradi al mondo imprenditoriale. Il mondo assicurativo sta conquistando una posizione più forte come possibile partner per le aziende, in relazione a tutte le esigenze fideiussorie emergenti da rapporti nazionali e internazionali. E’ ipotizzabile che questo business cresca in maniera significativa nei prossimi anni, anche alla luce di Basilea 3, che prevederà una ponderazione dei crediti di firma più stringente nei bilanci degli istituti di credito rispetto a quanto stabilito da Basilea 2, con conseguente riduzione della capacità finanziaria allocabile per questa tipologia di specifiche esigenze.

In questo contesto Aon –  www.aon.com – è il primo broker in Italia a strutturarsi con una propria rete. Il team della Specialty bonds è composto da 25 professionisti dislocati sul territorio in 6 hub (Milano, Vicenza, Pordenone, Torino, Genova, Roma). Il broker può contare sui suoi contatti con i principali mercati assicurativi internazionali e sulle importanti relazioni che l’Aon Global surety network, il network internazionale della società relativo a questo ramo assicurativo, può vantare rispetto ai mercati surety internazionali.

La combinazione di questi due aspetti permette di fornire la gestione completa degli affidamenti e dei contratti in corso. Il ricorso ai mercati assicurativi internazionali per l’emissione di bond è un fenomeno in crescita esponenziale: in particolare, le richieste di verifica di piazzamento all’estero sono aumentate notevolmente. Si stima che nell’ultimo anno le richieste siano addirittura decuplicate. Stati Uniti, Namibia, Polonia, Canada e Stati Uniti, sono solo alcune delle nazioni dove sono state concluse operazioni di piazzamento di garanzie per un valore di premi di circa 15 milioni di dollari per progetti molto importanti e cruciali per i Paesi di destinazione. Aon si presenta quindi come partner per tutte quelle imprese che decidono di puntare sull’internazionalizzazione.

“Aon punta alla diffusione di servizi ad alto valore aggiunto tra i quali la bondistica internazionale”, sottolinea Uberto Ventura, (nella foto sopra) amministratore delegato di Aon, gruppo leader nel brokeraggio assicurativo e riassicurativo. “In questo modo ci candidiama ad assistere i clienti nel reperimento di garanzie alternative al sistema bancario. La crescente competitività del settore assicurativo in questo ambito e la preparazione e l’esperienza nazionale e internazionale delle nostre risorse, fanno di questa attività un fiore all’occhiello.” Tre le principali aree di intervento per reperire risorse: i grandi mercati surety internazionali, i mercati surety locali e SACE SpA.

I mercati surety internazionali sono gli unici che possono emettere affidamenti cospicui da utilizzarsi in tutte le aree economicamente sviluppate nel raggio d’azione delle surety. La seconda area di intervento permette, grazie all’Aon Global Surety Network, di accedere ai mercati locali per la ricerca di capacità da utilizzarsi localmente. Infine, in virtù dell’accordo siglato con SACE con particolare focus sulle Pmi, vengono supportate anche le aziende di piccole dimensioni. Il cliente di Aon – grande, media o piccola impresa – viene assistito dall’ analisi dei rischi e determinazione delle esigenze del cliente alla negoziazione del programma assicurativo con il mercato per garantire i termini più competitivi. Viene garantita inoltre completa assistenza al cliente per quanto riguarda la consulenza precontrattuale (sia sui contratti sia sui wording di garanzie) in fase di negoziazione con i clienti al fine di superare ab origine eventuali ostacoli che potrebbero nascere nella fase di due diligence per l’underwriting dei rischi. In aggiunta viene assicurato un completo supporto per tutto il ciclo di vita delle garanzie sino alla fase di svincolo delle stesse.

Aon Italia è il gruppo leader italiano nel brokeraggio assicurativo e riassicurativo, nella consulenza nei servizi di risk management e nella consulenza aziendale per la gestione delle risorse umane. Il gruppo è presente in Italia con 27 uffici e si avvale di oltre 1200 dipendenti per fornire alle Pmi , ai grandi gruppi industriali e finanziari e agli enti pubblici soluzioni su misura per una adeguata gestione dei rischi. Aon Italia è la branch italiana di Aon Plc, capogruppo quotata al NYSE che ha il suo quartiere generale a Londra ed è presente in 120 paesi con più di 65.000 dipendenti. Aon da sempre attenta all’innovazione nel dinamico mercato assicurativo, fornisce supporto e competenze specifiche nella definizione delle strategie che consentono di gestire e controllare i diversi rischi aziendali. Nel 2012 il gruppo ha realizzato in Italia ricavi totali per oltre 167 milioni di euro e ha intermediato premi per oltre 2.1 miliardi di euro.

Lascia un commento

Top