Innovazione e nuove idee prima passano da Milano

logo

Innovazione: ritorna la sfida dei giovani scienziati: nuove idee e prototipi innovativi e utili si incontrano a Milano sui temi dell’ambiente, salute e Ict applicato.  Selezione nazionale del concorso “I GIOVANI E LE SCIENZE 2016” della direzione generale ricerca della Commissione europea.

Domenica 10 aprile dalle 15.00 alle 19.00 e lunedì 11 aprile dalle 9 alle 11 verranno presentati e premiati i migliori 29 progetti realizzati da 73 finalisti provenienti da dodici Regioni italiane, un concorso voluto da FAST, Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche, che dal 1989 organizza per la Commissione europea, direzione generale ricerca, la selezione nazionale del più importante concorso per i giovani di età compresa tra i 14 e i 20 anni. La mostra delle invenzioni e prototipi realizzati dai giovani partecipanti è aperta al pubblico a Milano domenica pomeriggio e lunedì mattina. Ma per conoscere il nome dei vincitori della selezione italiana 2016 bisognerà aspettare lunedì mattina. I migliori rappresenteranno l’Italia alla finale europea prevista per il 28° concorso dell’Unione europea a Bruxelles dal 15 al 20 settembre e parteciperanno ai più importanti concorsi mondiali in rete con tale iniziativa.

I GIOVANI  TROVANO SOLUZIONI PRATICHE E INNOVATIVE A PROBLEMI CONCRETI

Sono più di 5 mila gli Istituti scolastici superiori a conoscenza del concorso. Almeno 110 mila studenti hanno pensato di concorrere; circa 3 mila hanno cominciato a lavorare per partecipare; ma alla fine le proposte preparate e valutate all’interno delle singole scuole sono 284, frutto degli sforzi di 538 autori. Dopo la ferrea selezione all’interno delle diverse strutture scolastiche per inviare alla Giuria Fast solo i migliori, i contributi sono diventati 66. I 35 componenti della Giuria hanno scelto i 29 progetti realizzati da 73 studenti da invitare all’esposizione di Milano del 9-11 aprile 2016. Alla mostra ci sono anche stand di giovani meritevoli provenienti da Olanda, Spagna, e Messico. La fantasia non manca agli studenti, che rispondono a pieno alla principale caratteristica del concorso promosso da Fast e inserito nel Programma per la valorizzazione delle eccellenze del MIUR-Ministero dell’istruzione dell’Università e della Ricerca: non privilegiare una disciplina scientifica specifica, come fanno invece le varie Olimpiadi (informatica, matematica, chimica, biologia …); essere aperto a tutte le tematiche e alle loro applicazioni e valorizzare le conoscenze e le competenze dei giovani meritevoli.
E’ evidente comunque che alcuni argomenti sono più gettonati di altri, se si leggono i vari lavori prestando attenzione alle applicazioni invece che alle materie di studio. Vince l’ambiente, seguito dalla salute; poi ci sono l’alimentazione, le tecnologie dell’informazione, la difesa dai terremoti, l’energia. E altro ancora.

I COMPONENTI DELLA GIURIA

Per l’edizione 2016 la Giuria è formata da 35 valutatori con esperienze diversificate e attivi in prestigiosi centri di ricerca anche internazionali. 12 esperti provengono dall’Università; di questi 5 lavorano a Chicago, Cape Town, Heidelberg, Aachen, Uppsala. Gli atenei nazionali coinvolti sono: Politecnico di Milano, Milano Bicocca, Università di Milano, Pavia e Torino. Sono rappresentati i centri di ricerca come FBK di Trento, IIT di Genova, CRA-MAC di Bergamo, Ifom di Milano, Cnr di Milano. Ci sono anche il CCR di Ispra, il CEA di Parigi, il centro NASA di Coppertino in California. Tra le associazioni coinvolte si ricordano Aica di Milano, H2It di Milano, EHA di Bruxelles. Il mondo imprenditoriale è tra gli altri coinvolto tramite il Gruppo Eni, Tecnimont, Orange Labs in Francia.

 

Lascia un commento

Top