IDstile firma il refitting 3D di una centrale elettrica a Teheran

IDstile

IDstile firma il refitting tridimensionale di un’intera centrale elettrica a Teheran. L’azienda specializzata in design industriale sbarca in Iran e trasforma circa 1300 disegni 2D del progetto di una centrale elettrica a Teheran in un modello 3D per il refitting.

L’azienda Novarese specializzata in progettazione industriale fondata da Matteo Cibelli è riuscita, in poco più di due mesi, ha trasformare i progetti di una intera centrale elettrica di Teheran, ben 1.274 disegni e 300 assiemi, in un modello 3D, utilizzato poi per la creazione degli impianti di insonorizzazione dell’azienda CTM Ambiente
IDstile“La capacità di trasformare i vecchi progetti in modelli tridimensionali è un asset fondamentale per la situazione attuale del mercato”, ha detto Matteo Cibelli. “Sono nymerose le aziende che devono portare a termine questo passaggio. Avere un modello in 3D di qualunque impianto o struttura è fondamentale per lavorare su qualcosa che, seppur in scala, è assolutamente fedele all’originale. La modellazione 3D rende possibile prevenire gli eventuali problemi che non sarebbero immediatamente visibili in 2 dimensioni”.
CTM Ambiente, l’azienda italiana specializzata in impianti di insonorizzazione per l’industria civile che ha commissionato il progetto, ha scelto di affidarsi alla IDstile per facilitare il lavoro del proprio team.
“Costruiamo impianti di insonorizzazione come cabinati acustici e silenziatori su strutture già esistenti”, ha detto Stefano Bazzocchi, ceo di CTM Ambiente, ” e il modello 3D elaborato da IDstile ci di risparmiare tempo e ottenere maggior precisione, tenendo conto di ogni minimo particolare”.
Matteo Schilirò, team manager della IDstile sul progetto di Teheran, ha coordinato il team di lavoro: 4 persone, 3 architetti e 1 perito meccanico, tutti con grande esperienza in questo settore.
“La selezione delle migliori professionalità, per questo imponente progetto, ha richiesto quasi un mese”, ha detto Schilirò, ” ed è stata fatta sulla base di precisi requisiti: una notevole esperienza e una spiccata sensibilità nei confronti del disegno tecnico. Solo queste capacità potevano consentirci di realizzare il modello tridimensionale di una struttura alta 15 metri e con un perimetro di 20, con una precisione millimetrica. L’elaborazione dei disegni in un linguaggio compatibile dalle 2 alle 3 dimensioni permette a chi dovrà lavorarci di tenere conto di ogni minima variazione, come può essere una semplice saldatura”.
Il progetto di refitting e riprogettazione 3D a Teheran è il secondo passo della IDstile sul mercato internazionale, portando il valore della progettazione e del design industriale made in Italy nei territori del medio oriente.

Lascia un commento

Top